Fornitore Face ID prevede profitti maggiori, ma l’ottimismo è legato ad Android

Un fornitore Apple prevede profitti in crescita, suggerendo così una aumento delle vendite iPhone. Questa volta, però, l'ottimismo è legato ad Android

Face ID

AMS, fornitore Apple per il Face ID, prevede una seconda metà dell’anno positiva per le vendite del proprio componente, suggerendo di conseguenza una crescita delle vendite di iPhone. Il fornitore, in passato, era stato il primo a segnalare un calo nei rifornimenti della componente, suggerendo così un calo nelle vendite dello smartphone di Cupertino. Ad ogni modo, il futuro favorevole per AMS non è dovuto questa volta solo ad Apple, ed è anzi da imputare ad Android.

Secondo quanto riportato da Reuters, AMS prevede un secondo trimestre positivo per le proprie casse. A riferirlo è il Chief Executive, Alexander Everke secondo cui la società vede “una domanda più stabile dei consumatori e nella domanda di smartphone”. Alla domanda riguardo il prevedibile calo del suo “cliente maggiore”, chiaro riferimento ad Apple, Everke si è detto fiducioso in una forte ripresa durante quest’anno. Tuttavia, la sua visione ottimistica non si riferisce esclusivamente alle vendite di iPhone: AMS ha evidenziato che si aspetta un profitto crescente da produttori di smartphone Android.

Android Q potrebbe avere il sosia di Face ID

I clienti Android di AMS includono Samsung, Xiaomi e Huawei, che sono attualmente tra i più grandi produttori di smartphone in tutto il mondo. Mentre la componente Face ID è di per sé legata esclusivamente ad Apple, i sensori realizzati da AMS possono essere utilizzati in altri sistemi di riconoscimento facciale, quindi anche su smartphone Android.

Maggiori informazioni arriveranno sicuramente al termine del secondo trimestre 2019 o all’inizio del terzo, periodo in cui AMS prevede di registrare questo incremento nelle vendite. Nel frattempo però l’andamento ancora in calo delle vendite iPhone su scala globale è confermato dai risultati finanziari Apple del secondo trimestre, che corrisponde ai primi tre mesi di quest’anno.

Per conoscere tutti i dettagli dei risultati finanziari Apple e dell’andamento delle vendite di iPhone, iPad e Mac rimandiamo agli approfondimenti di Macitynet.