Galaxy S9 tenta l’attacco ad iPhone X con uno scanner dell’iride potenziato

[banner]…[/banner]

La tendenza del 2018, per chi riuscirà nell’impresa, sarà quella di portare tecnologie per lo sblocco facciale sui propri terminali. Sembra che Face ID abbia aperto la strada in questo senso, con alcuni produttori, come OnePlus, che hanno iniziato ad implementare funzionalità simili, seppur non così avanzate come quella di Apple. Per Galaxy S9 Samsung avrebbe in programma uno scanner dell’iride potenziato, per rendere lo sblocco con gli occhi più affidabile e veloce.

A riferirlo è The Korea Herald, secondo cui Samsung aggiornerà lo scanner dell’iride in Galaxy S9 e S9+. Questo cambiamento dovrebbe essere portato dalla nuova fotocamera da 3 MP, migliorata rispetto alla fotocamera da 2 attualmente in forza su Galaxy S8 e S8+. Apparentemente si prevede che l’aumento dei megapixel consentirà una scansione ad alta risoluzione, che dovrebbe migliorare l’affidabilità e la precisione del sensore, oltre che incrementarne la velocità di sblocco.

galaxy s9

Non solo, il nuovo sensore dovrebbe facilitare il riconoscimento degli utenti anche in condizioni di scarsa illuminazione, così da poter sbloccare il terminale anche al buio, proprio come avviene su iPhone X. Il rapporto suggerisce, dunque, che lo scanner riconoscerà meglio l’iride degli utenti anche quando indossano occhiali, muovono gli occhi o si trovano in un ambiente troppo buio o con troppa luminosità. Insoma, la parola d’ordine per Samsung è rimediare agli errori del passato: su Galaxy S8 tutte le tipologie di sblocco alternative all’impronta appaiono non troppo efficienti.

Nello stesso frangente, seppur da fonti che si trovano dall’altra parte del mondo, arrivano voci sul fattore forma di Galaxy S9. Secondo, infatti, GalaxyClub il terminale continuerà a mantenere un aspect ratio di 18,5:9 come l’attuale linea di smartphone, confermando quella moda avviata da LG con LG G6. Sebbene simile all’attuale line up, Galaxy S9 godrà di cornici ancor più ottimizzate, migliorando la percentuale dello schermo rispetto all’intero frontale. Due le versioni attese, entrambe con ben 6 GB di RAM, ma con diagonale differente: il primo, come iPhone X, da 5,8 pollici, il secondo più grande, da ben 6,2 pollici.