Pixelmator Pro ora compatibile con macOS Mojave e con altre novità

Aggiornato Pixelmator Pro, il potente software di grafica e editing fotografico che mette a disposizione un’immensa varietà di strumenti professionali per disegno e ritocco, tutti ottimizzati per interfaccia e tecnologie di macOS

Pixelmator Pro

Gli sviluppatori di Pixelmator Team hanno presentato la versione 1.2 di Pixelmator Pro, una delle più interessanti applicazioni per l’elaborazione di fotografie (fotoritocco) e, più in generale, modifica di immagini digitali.

La nuova versione integra il supporto completo per macOS 10.14 Mojave, mette a disposizione nuovi filtri luce, integra un motore che consente di applicare migliorie automatiche grazie alle capacità di apprendimento automatico (machine learning) offerte dalla tecnologia CoreML di macOS, integra funzionalità per l’elaborazione in batch con Automator e altre novità ancora.

Tra le funzionalità offerte dall’elaborazione in batch, la possibilità di sfruttare azioni con Automator (l’utility di sistema che consente di automatizzare gran parte delle operazioni eseguite con il computer), con flussi di lavoro per applicare colori, effetti e modifiche varie alle immagini.

Di particolare interesse anche il supporto ai font SVG, particolari tipologie di caratteri che offrono più colori e sfumature in un unico glifo. L’update include allo scopo anche il font “Gilbert Color”. La funzionalità Continuity Camera possibile con macOS Mojave e iOS 12 (qui spieghiamo in dettaglio come funziona) permette di scattare foto immediatamente visibili e gestibili da Pixelmator.

Sono state integrate svariate migliorie minori e l’interfaccia è stata leggermente rivista per adattarsi alla nuova modalità Chiaro e Scuro supportata da macOS.

Questa applicazione, lo ricordiamo, è la nuova versione “agli steroidi” di uno dei software di fotoritocco, creazione ed editing immagini, tra i più premiati e apprezzati, che nulla ha da invidiare ad applicazioni ben più blasonate e costose.

L’interfaccia dell’area di lavoro è scura, ideale per lavorare con immagini senza essere disturbati dal contesto. L’app è stata concepita ed è nata su macOS: sfrutta tecnologie intrinseche di macOS ed è ideale sia per principianti, sia per professionisti. Chi ha già usato applicazioni di questo tipo, si troverà immediatamente a proprio agio.

Di particolare interesse funzionalità di modifica non distruttiva, disponibili per tutti gli strumenti, inclusi quelli per la modifica del colore, applicazioni effetti, stili e layout. L’utente può creare preset personalizzati con infinite combinazioni di effetti e stili che è possibile salvare e riutilizzare in qualsiasi momento.

Pixelmator Pro

Pixelmator Pro richiede macOS 10.13 o versioni più recenti, “pesa” 168.5MB ed è venduto 32,99 euro sul Mac App Store. Naturalmente per gli utenti alle prime armi o che non necessitano delle funzionalità avanzate di Pixelmator Pro, su Mac App Store continua a essere disponibile il valido e veratile Pixelmator in versione standard che permette anche di risparmiare: costa 16,99 euro.