Intel, profitti al di sotto delle previsioni

di |
logomacitynet696wide

Intel non raggiungerà  i target di profitto fissati per il trimestre. “Vendite deboli per i PC nelle scorse settimane”, dicono a Santa Clara. Preoccupazione nell’intero mondo dell’IT

Intel non riuscirà  a raggiungere gli obbiettivi di bilancio che si era prefissa per il trimestre. L’annuncio arriva direttamente dalla società  di Santa Clara che ha lanciato ieri un “warning” che potrebbe pesare sull’intero mercato finanziario del settore.
Secondo Intel le vendite di computer vanno a rilento, ad un ritmo inferiore a quello normalmente usuale in questi 90 giorni. In particolare l’Europa avrebbe un andamento deludente.
In aggiunta a questo Intel segnala anche che il “mix” di vendite tra Pentium e Celeron è sbilanciato più delle attese a favore dei Celeron che offrono margini e profitti più bassi rispetto ai Pentium.
Intel aveva previsto per il trimestre in corso un fatturato di 6,2 miliardi di dollari, una soglia considerata molto prudente dagli osservatori che fissavano ad almeno 6,5 miliardi di dollari il fatturato per il trimestre. Ora invece non solo Intel non ha alzato, ma addirittura ha abbassato quelle che venivano considerate previsioni pessimistiche.
Parziali conferme a questo andamento giungono da una indagine di NPD Intellect che preannuncia un aprile davvero difficile per il mercato informatico: le vendite negli USA per il mese sarebbero state del 22,5% più basse dello stesso mese dello scorso anno. Il mese di maggio non sarebbe andato molto meglio e al momento i magazzini dei produttori raggiungerebbero anche le 10 settimane di scorte quando il livello ideale potrebbe essere di 3 settimane.
Ora Intel, ma anche l’intero settore dell’IT, deve sperare in un ottimo mese di giugno per riparare ai danni prodotti dai mesi di aprile e maggio, anche se la convinzione di tutti è che le vendite non ripartiranno in maniera significativa che nel corso del prossimo autunno.