I-1, la prima fotocamera istantanea risorge con la potenza del digitale

Impossible Project presenta I-1, rivisitazione della prima fotocamera istantanea della storia che miscela la nostalgia dell'analogico con la potenza del digitale

I-1

Soltanto ieri abbiamo parlato di Daguerreotype Achromat, il nuovo progetto con il quale Lomography intende riportare in vita la prima ottica mai realizzata nella storia della fotografia. Oggi è il turno di Impossibile Project con I-1, una moderna rivisitazione della prima fotocamera istantanea.

Questo dispositivo fonde il piacere nostalgico delle fotocamere analogiche istantanee di un tempo con il design ed i controlli digitali dei nostri giorni. La fotocamera usa le Impossible type 600, pellicole che imitano in tutto e per tutto le Polaroid 600 ormai fuori produzione, tanto che chi ancora ne avesse qualcuna potrà realmente utilizzarle con il nuovo gadget.

I-1

Di innovativo è il flash anulare, che regola automaticamente l’intensità luminosa in base alla luce ambientale e alla distanza del soggetto inquadrato. La batteria poi si ricarica tramite USB ed è possibile collegare uno smartphone tramite Bluetooth per poter gestire la fotocamera in remoto ed accedere ai controlli manuali per apertura, velocità dell’otturatore ed impostazioni del flash.

Dall’app è anche possibile accedere a strumenti “creativi” che automatizzano funzioni come doppia esposizione e lunga esposizione, oltre che per attivare lo scatto remoto.

La Impossible Project I-1 arriverà sul mercato il 10 maggio e potrà essere acquistata per 300 dollari. Trovate maggiori informazioni sul sito web ufficiale.

I-1