fbpx
Home Macity Internet Apple invita gli sviluppatori ad usare IPv6 perché più veloce di IPv4

Apple invita gli sviluppatori ad usare IPv6 perché più veloce di IPv4

Apple sta incoraggiando gli sviluppatori a dare priorità nelle loro applicazioni alle tecnologie web più moderne supportate intrinsecamente sia da iOS, sia da macOS.

In una delle presentazioni che si svolta nell’ambito dell’ultima conferenza per sviluppatori (WWDC 2020), Apple ha condiviso alcune statistiche interne nella speranza di convincere gli sviluppatori di app ad adottare quando possibile nuove tecnologie web e protocolli quali IPv6, HTTP/2, TLS 1.3 e Multipatch TCP.

Una delle tecnologie che Apple spinge gli sviluppatori a sfruttare è IPv6, versione dell’Internet Protocol designata come successore dell’IPv4 che offre nuovi servizi e semplifica molto la configurazione e la gestione delle reti IP.

“Le piattaforme Apple integrano il supporto IPv6 da anni, incluso il supporto IPv6-only”, ha spiegato Jiten Mehta, Internet Technologies Engineer presso Apple. “C’è stata una tendenza crescente nell’uso di IPv6 su internet. Se guardiamo le connessioni dello scorso mese effettuate dai dispositivi Apple in tutto il mondo, vediamo che IPv6 costituisce il 26% di tutte le connessioni effettuate”. “Il 20% delle volte si sarebbe potuto usare IPv6 ma sul server non erano abilitate”. Usando IPv6 Apple evidenzia che le connessioni risultano mediamente più veloci di 1,4 volte rispetto alle equivalenti IPv4, “principalmente per l’uso ridotto del NAT (il meccanismo di traduzione degli indirizzi di rete, ndr) e migliorie nei meccanismi di routing”.

Apple invita gli sviluppatori ad usare IPv6 perché più veloce di IPv4

Apple spinge gli sviluppatori a usare anche HTTP/2, la nuova versione del protocollo di rete HTTP usato dal web. Mehta ha riferito che lo scorso mese il 79% di tutte le pagine web caricate da Safari sono state caricate usando connessioni HTTP/2, tipicamente 1,8 volte più veloci da caricare rispetto alle connessioni HTTP/1.1.

Apple riferisce che scrivere app che funzionano tenendo conto di IPv6 e HTTP/2 è ora più facile che mai. Tutto ciò che gli sviluppatori devono fare è usare le ultime versioni delle API (interfacce di programmazione) quali URLSession e Network.framework, elementi che garantiscono il funzionamento con IPv6 e HTTP/2 per default, con tanto di meccanismi di fallback per i vecchi protocolli in caso di necessità.

Apple invita gli sviluppatori ad usare IPv6 perché più veloce di IPv4

La Casa di Cupertino guarda già avanti e in macOS 11 Big Sur e iOS 14 ha già integrato il supporto sperimentale per HTTP/3, nuova versione del protocollo Hypertext Transfer Protocol usato per il World Wide Web nonché il successore di HTTP/2, attualmente in fase di standardizzazione presso l’IETF (Internet Engineering Task Force). Il supporto TLS 1.3riferisce ZDNet – è per default disabilitato ed è incluso sui dispositivi Apple solo per scopi sperimentali e tocca all’utente/sviluppatore abilitarlo. L’uso di questo protocollo di crittografia è ad ogni modo cresciuto con il supporto integrato in iOS 13.4, anche in questo caso con migliorie in termini di velocità.

Apple invita gli sviluppatori ad usare IPv6 perché più veloce di IPv4

Altra tecnologia che Apple spinge è Multipath TCP che consente di rafforzare la connettività verso l’host di destinazione.  MPTCP consiste in una serie di estensioni del protocollo TCP (Transmission Control Protocol). Con MPTCP, un client può stabilire più connessioni su diverse schede di rete verso un medesimo host di destinazione. Ne consegue la creazione di connessioni dati efficienti e resilienti tra host in grado di funzionare con le infrastrutture di rete già esistenti.   iOS supporta il protocollo Multipath TCP (MPTCP) e consente a un iPhone o iPad di stabilire una connessione TCP di backup verso un host di destinazione tramite una connessione dati cellulare. Gli amministratori di rete possono decidere di usare MPTCP.

Apple evidenzia che il Multipath TCP permette di ridurre stalli nello streaming ed è la tecnologia che consente ad Apple Music di riavviare da dove erano rimasti i download anche quando l’utente cambia rete.

Per quanto riguarda la WWDC 2020, abbiamo realizzato un articolo riepilogativo delle novità principali che potete leggere cliccando qui. Tutti gli articoli di approfondimento, inclusi quelli che parlano delle funzioni che troveremo su iOS 14 e iPad OS 14, sono raccolti in questa sezione del nostro sito web.

Offerte Speciali

Airpods Pro al minimo prezzo storico: sconto da 45 euro

Airpods Pro su Amazon in forte sconto: solo 199,99 €

Su Amazon gli Airpods Pro scendono di prezzo. Le comprate a prezzo scontato e spedizione immediata a 203,50 euro invece che 279 euro.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,664FansMi piace
94,038FollowerSegui