Apple paga 450 milioni di dollari per la class action sugli ebook

Apple ha accettato di pagare 450 miioni di dollati per porre fine alla causa collettiva  nella quale era accusata di avere fatto "cartello" per alzare il prezzo dei libri elettronici.

iBookstore

Apple ha accettato di pagare 450 miioni di dollati per risolvere la class-action nella quale era accusata di avere alzato in accordo con cinque editori il prezzo dei libri elettronici. Lo ha rivelato il Procuratore Generale di New York Eric T. Schneiderman, spiegando che l’accordo include le richieste di risarcimento per i consumatori danneggiati e le sanzioni richieste dallo stato di New York e altri 32 stati e territori.

La Casa della Mela era stata giudicata colpevole di avere tramato con gli editori per alzare il prezzo dei libri elettronici, operando per colpire la rivale Amazon con il modello “agenzia”, una modalità con la quale è l’editore a fissare il prezzo, impegnandosi ad applicarlo universalmente.

All’epoca i publisher erano per lo più legati ad Amazon, che ha spesso venduto libri in perdita al fine di sostenere il business Kindle. Tra gli editori che avevano accettato la proposta di Apple di cambiare il sistema e il modello all’ingrosso adottato da Amazon (è il rivenditore a fissare il prezzo), ricordiamo il gruppo Hachette, HarperCollins, Penguin, Simon & Schuster e Macmillan.

Amazon vendeva gran parte dei libri elettronici sottocosto, spingendo (e guadagnando dopo) le vendite dei Kindle; semplificando, acquistava all’ingrosso i libri dagli editori a un certo prezzo, per poi rivenderli a un prezzo inferiore, evitando di superare i 9,99 dollari. Apple è stata accusata di avere fatto pressioni e convinto altri editori a seguire una diversa politica per i prezzi, con conseguente aumento dei prezzi per gli acquirenti.

A febbraio di quest’anno Apple aveva presentato appello. All’epoca si parlava di 840 milioni di richieste di risarcimento da parte delle autorità e dei consumatori, il triplo rispetto ai 280 milioni richiesti inizialmente, aumento giustificato secondo l’accusa per i successivi sviluppi della vicenda.

iBookstore