fbpx
Home Hi-Tech Windows e PC L’update di Windows 10 può distruggere le unità SSD

L’update di Windows 10 può distruggere le unità SSD

Microsoft sta correndo ai ripari per correggere un bug contenuto in un aggiornamento Windows 10 che può rallentare, mettere sotto torchio e secondo alcuni ridurre la vita utile delle unità SSD. Il problema è stato riscontrato già a partire dal mese di giugno nell’aggiornamento Windows 10 versione 2004 rilasciata a maggio.

In questo aggiornamento sembra che il sistema non sia più in grado di memorizzare quando viene effettuata l’ultima deframmentazione dell’unità di archiviazione, sia questa un disco fisso tradizionale oppure una unità SSD. Con la deframmentazione i contenuti memorizzati sull’unità vengono riscritti e riposizionati per ottimizzare le operazioni, migliorando la velocità di lettura e scrittura dei dati. Solitamente Windows verifica quando è stata effettuata l’ultima deframmentazione e ne effettua una nuova a distanza di un mese. Mentre per i dischi fissi tradizionali questa operazione è utile e anche consigliabile, secondo alcuni esperti i recenti SSD non la richiedono, perché la effettuano già in automatico, consigliando di effettuarla solo sporadicamente.

windows 10 ssdA causa del bug Windows 10 in questione il sistema non rileva la data dell’ultima operazione, iniziando così una nuova deframmentazione ogni volta che il computer viene spento e poi riacceso. Questo comporta che la deframmentazione viene effettuata tutti i giorni, quindi 30 volte più del previsto. Oltre al calo delle prestazioni di sistema quando la deframmentazione è in corso, lo spostamento e la registrazione di grandi quantità di dati ogni giorno può incidere negativamente sulla vita utile delle unità SSD, anche riducendola sensibilmente.

Microsoft ha già rilasciato un aggiornamento in versione beta agli sviluppatori che risolve il problema. In attesa che l’update sia disponibile per tutti, per gli utenti Windows 10 è consigliabile disattivare la funzione di deframmentazione automatica. Per farlo occorre aprile il menu Start, digitare defrag e poi selezionare Deframmenta e ottimizza Dischi. Verificare che l’unità SSD sia selezionata e poi aprire Cambia Impostazioni, dopo di che togliere il segno di spunta sulla opzione per effettuare la deframmentazione programmata, infine premere OK.

Tutti gli articoli di macitynet che parlano di Microsoft e Windows sono disponibli ai rispettivi collegamenti. Invece per tutte le notizie e gli articoli dedicati al Mac si parte da questa pagina.

Offerte Speciali

iPad Pro 11″ 256 GB scontato su Amazon: 949 €

iPad Pro 11″ 256 GB Cellular al minimo su Amazon: 1064 €

Su Amazon iPad Pro torna al prezzo minimo nella sua versione da 256 GB cellular con schermo da 11 pollici. Lo pagate solo 1064 euro, quasi il 10% in meno del prezzo di listino
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,805FansMi piace
93,834FollowerSegui