Nuovo MacBook Pro 15″ 2019 con nuova tastiera smontato da iFixit

Come da tradizione, iFixit ha smontato l’ultimo arrivato in Casa Apple, il MacBook Pro da 15″ 2019. Apple ha apportato delle migliorie alla tastiera dei nuovi portatili. Risolti i problemi lamentati da alcuni utenti nele tastiere con meccanismo a farfalla?

Nuovo MacBook Pro 15″ 2019 con nuova tastiera smontato da iFixit

Come da tradizione, iFixit ha smontato l’ultimo arrivato in Casa Apple, il MacBook Pro da 15″ 2019. Apple ha aggiornato il MacBook Pro con una nuova tastiera e con processori Intel Core più veloci di ottava e nona generazione, per la prima volta a 8-core e, oltre alla CPU, una delle novità sono a quanto pare miglioramenti alla tastiera e altre migliorie generali.

Il modello smontato da iFixit è il 15,4″ con display IPS Retina che offre risoluzione di 2880×1800 pixel (220 dpi), gamma cromatica P3, tecnologia True Tone e 500 nit di luminosità.

I chip interni

Il “teardown” riguarda in particolare la variante con processore Intel Core i7 (con Turbo Boost fino a 4.5 GHz) e grafica Radeon Pro 555X, 16GB memoria RAM DDR4 2400 MHz, SSD 256 PCIe, WiFI 802.11ac, Bluetooth 5, quattro porte Thunderbolt 3 (connettore USB-C). Il numero di modello è A1990 e l’EMC number (sigla di Electromagnetic Compatibility) è 3359.

Dal punto di vista estetico la macchina è indistinguibile dalla precedente. Anche la procedura di accesso all’interno non cambia e basta seguire gli stessi passaggi del precedente,. Dopo la rimozione del gruppo superiore del case, l’interno rivela sulla scheda logica: un processore Intel Core i7-9750H 6-core, la RAM DDR4 di SK Hynix (16GB), la GPU AMD Radeon Pro 555X, il coprocessore T2, l’unità di storage di Toshiba, il controller Thundertbolt 3 Intel JHL7540.

Altri chip presenti sulla scheda logica, sono: l’Intel SR40F (platform controller hub), 338S00267-A0 (probabilmente un circuito integrato di Apple per il la gestione dell’alimentazione), il controller per l’alimentazione TPS51980A, il modulo 339S00458 (probabilmente per la gestione di WiFi/Bluetooth), il “modulatore di ampiezza di impulsi” (Pulse Width Modulation, ovvero PWM) Intersil 6277A, il codec auto Cirrus Logic CS42L83A.

Nuovo MacBook Pro 15″ 2019 con nuova tastiera smontato da iFixit

Nuovo MacBook Pro 15″ 2019 con nuova tastiera smontato da iFixit

La nuova tastiera

Si passa alla tastiera: punto dolente di tutti i MacBook, MacBoook Pro e MacBook Air recenti è il design con meccanismo a farfalla. Questo nuovo tipo di tastiera è stato sfruttato prima su MacBook Retina 2015, poi su MacBook Pro nel 2016, con minuscole variazioni nelle varie generazioni successive. Nel 2018 Apple ha avviato un programa di assistenza per la tastiera per MacBook, MacBook Air e MacBook Pro, avendo determinato che “una piccola percentuale di tastiere in determinati modelli” delle varie serie, può presentare difetti quali la ripetizione imprevista di lettere o caratteri, la mancata visualizzazione di lettere o caratteri, tasti “appiccicosi” o che non rispondono in modo coerente.

Una primo tentativo di soluzione al problema lamentato da alcuni utenti con le tastiere con il meccanismo a farfalla è stato l’inserimento di una membrana siliconica. Secondo Apple questa dovrebe rendere i tasti più silenziosi ma probabilmente doveva servire anche a proteggere il meccanismo da potenziali malfunzionamenti (impedendo, ad esempio, l’ingresso di polvere). In realtà anche questo espediente non ha del tutto risolto i problemi della tastiera: e non sono mancati utenti che hanno lamentato problemi anche con i modelli più recenti.

Nei MacBook Pro 2019, Apple continua a sfruttare la membrana siliconica sotto la tastiera ma – riferisce iFixit – ha apportato modifiche ai materiali della lamina elastica che si trova sotto i tasti e al materiale plastico intorno a questo. I tasti sono, in poche parole, realizzati con un nuovo materiale.

Nuovo MacBook Pro 15″ 2019 con nuova tastiera smontato da iFixit

Le membrane di supporto sotto ciascun tasto sono ora semi-opachi e le guarnizioni centrali sotto ogni tasto realizzate con un materale che sembra poliammide (nylon) e non poliacetilene come prima, evidente anche dal tocco più “armonioso e morbido” (parole di iFixit) e probabilmente un tentativo di impedire l’effettp “tasti appiccicosi”.  Per confermare che il materiale sia effettivamente diverso, iFixit ha usato un macchinario per la spettroscopia in trasformata di Fourier, ricavando lo spettro di alcuni segnali nel dominio della frequenza tramite una operazione di trasformata di Fourier.

Altro elemento che sembra cambiato nei singoli tasti è la piccola “cupola” nella parte superiore. Non è ancora chiara l’utilità specifica di questi piccoli cambiamenti. Solo il tempo dirà se effettivamente il problema con le tastiere a farfalla di Apple è finalmente risolto o no.

Nuovo MacBook Pro 15″ 2019 con nuova tastiera smontato da iFixit
Gli agganci dei tasti di vecchia e nuova generazione (a dx)

Il punteggio di riparabilità del MacBook Pro 2019 è come accade sempre più spesso… di 1 su 10. L’unico elemento sul quale un riparatore può eventualmente intervenire è il trackpad. Processore, RAM e memoria flash sono saldati sulla scheda logica, rendendo impraticabile qualsiasi tipo di intervento da parte dell’utente finale o di un riparatore improvvisato.

Per i costi dettagliati delle configurazioni dei nuovi MacBook Pro vi rimandiamo alla relativa pagina di Apple Store online. Tutte le notizie specifiche sui nuovi MacBook Pro (benchmark, novità e tanto altro le trovate nella sezione di macitynet.it dedicata a MacBook Pro 2019)