AMD, un chip da 64-bit a basso costo

di |
logomacitynet696wide

AMD lancia un chip da 64-bit a basso costo. L’€™obbiettivo: imporre la tecnologia anche in macchine più economiche.

La strategia di AMD per la diffusione dei sistemi a 64-bit tocca la corda dei prezzi. La società  di Sunnyvale ha infatti rilasciato nei giorni scorsi una versione a basso costo del suo Athlon 64 destinata al mercato dei PC di fascia enconomica.

L’€™Athlon 64 3000+ (questo il nome del chip) ha la stessa velocità  del 3200+ (2 GHz) ma presenta la metà  della cache, 512 kb invece di 1 MB. Il costo è però quasi dimezzato, 218 dollari al pezzo invece che 418, il che dovrebbe condurre al rilascio di una nuova ondata di computer a costi economici e che propongono questa tecnologia.

La strategia pare indirizzata a consentire l’€™affermazione dei chip in quanto, come rilevato da alcuni siti specializzati, i due processori in realtà  sono di fatto lo stesso, con costi di produzione identici. AMD nel secondo caso si limiterebbe semplicemente a disabilitare metà  della cache, una pratica che potrebbe essere indirizzata a commercializzare quei chip che falliscono i test di produzione e non sono in grado di supportare 1 MB. Questi processori non hanno alcun difetto oltre a quello di non far ‘€œgirare’€ 1 MB di cache e vengono così commercializzati come 3000+ invece che 3200+.

Approfittando di questo fattore AMD otterrebbe un duplice scopo: vendere anche chip che dovrebbero finire al macero, aumentare la base di installato della tecnologia a 64-bit.