Consorzio cui partecipa anche Apple acquista i brevetti Nortel

di |
logomacitynet696wide

L’ambito portfolio di brevetti e di tecnologie di proprietà Nortel è stato acquistato all’asta dal consorzio composto da Apple, EMC, Ericsson, Microsoft, RIM e Sony. La somma versata a Nortel è pari a 4,5miliardi di dollari per un portafoglio di brevetti e tecnologie strategico nel campo della telefonia mobile 4G e LTE, collegamenti ottici, semiconduttori, chiamate via Internet e molto altro ancora.

L’ambito portfolio di brevetti e tecnologie Nortel è stato acquistato per una somma di 4,5miliardi di dollari dal consorzio di cui fa parte anche Apple insieme a EMC, Ericsson, Microsoft, RIM e Sony. L’annuncio è stato diramato dalla stessa Nortel, multinazionale canadese in liquidazione dal 2009. La stessa Nortel dichiara che il portfolio è composto da oltre 6.000 brevetti e applicazioni per tecnologie che vanno dai collegamenti senza fili alle reti cellulari 4G, collegamenti dati, tecnologie ottiche, voce, Internet, semiconduttori e altro ancora. In sostanza il pacchetto di tecnologie in oggetto riguarda ogni aspetto delle telecomunicazioni e anche di altri settori, inclusi le ricerche Internet e il social network.

La vendita deve essere approvata dagli organismi di controllo canadesi e statunitensi di cui è in programma una udienza congiunta per il giorno 11 luglio. La transazione tra Nortel e il consorzio composto da Apple e dagli altri colossi del mondo IT dovrebbe essere conclusa entro il terzo trimestre del 2011

Ricordiamo che Google è stata la prima a dichiararsi interessata all’acquisto dei brevetti Nortel nei primi giorni di aprile di quest’anno. In un comunicato ufficiale la società di Mountain View allora spiegò questa scelta come una mossa importante per tutelarsi contro la proliferazione delle cause legali avviate dai concorrenti, pratica sempre più in voga tra i colossi IT in USA e nel mondo, Apple inclusa. A circa due settimane dalle mosse di Google erano circolate voci circa l’intenzione di RIM di rilanciare sull’offerta inizial