Intel ha sviluppato il primo chip fotonico

di |
logomacitynet696wide

Da Intel il prototipo di un chip fotonico che potrebbe portare a una riduzione dei costi e a un aumento delle prestazioni. Una tecnologia che potrebbe portare allo sviluppo di categorie completamente nuove di prodotti, in grado di offrire prestazioni molto più elevate rispetto a oggi.

Dai laboratori Intel arriva il primo chip fotonico in grado, cioè, di sfruttare la luce. Il primo prototipo sfrutta quattro laser ed è in grado di garantire il flusso dati di circa 50Gbps o, se preferite, 6.25GB al secondo, un po’ come dire che è possibile trasferire un film 720p o HD in un solo secondo. Questa tecnologia potrebbe consentire di rivoluzionare le prestazioni e ridurre i consumi: è possibile sostituire i collegamenti dei circuiti stampati fatti di cavi e piste di rame garantendo connessioni di lunghezza superiore e sfruttando cavi in fibra ottica in grado di assicurare consumi ridotti.

La fotonica del silicio è una tecnologia emergente che prevede l’uso di silicio standard per l’invio e la ricezione d’informazioni ottiche tra computer e altri dispositivi elettronici. Il trasferimento ultra-veloce dei dati sarà un requisito essenziale per i futuri computer basati su molteplici core di processori. La tecnologia basata su fotonica del silicio potrebbe portare allo sviluppo di computer ad alta velocità e a costi più contenuti. Intel da anni si sta occupando di questo settore ed ha già realizzato modulatori veloci e laser ibridi al silicio. 

 

[A cura di Mauro Notarianni]