Il marchio Apple è quello che vale di più, Ferrari quello più potente

di |
apple logo dollar money icon 500

Secondo la classifica Brand Finance Global 500 Ferrari è il marchio più potente ma Apple domina su tutti: per il terzo anno consecutivo il marchio Apple è quello che vale di più al mondo. Samsung seconda accorcia le distanze, terza Google

Il marchio Apple è quello che vale di più nel mondo, per il terzo anno consecutivo, ma quest’anno la graduatoria Brand Finance Global 500 offre un’altra conferma: per il secondo anno consecutivo il marchio più potente è quello Ferrari.

“Ferrari è il marchio più potente del mondo. Il leggendario costruttore italiano di automobili ottiene punteggi alti in un’ampia gamma di indici nel Brand Finance’s Brand Strength Index, dalla desiderabilità, alla fedeltà e la fiducia dei consumatori, all’identità visiva, dalla presenza online alla soddisfazione dei dipendenti” ha dichiarato David Haigh, aggiungendo: “Il cavallo rampante su distintivo giallo è immediatamente riconoscibile in tutto il mondo, anche dove le strade asfaltate devono ancora arrivare. Nel suo paese d’origine e tra i suoi numerosi ammiratori in tutto il mondo Ferrari ispira più che semplice fedeltà alla marca, un culto, persino una devozione quasi-religiosa, il suo potere del marchio è indiscutibile”.

Naturalmente l’indice di potenza del marchio è indipendente dal fatturato: Ferrari opera in un mercato di nicchia che genera un volume d’affari inferiore al mercato di massa in cui invece opera Apple. Nella graduatoria dei 500 marchi più importanti Ferrari si trova alla 350esima posizione con un valore stimato di 4 miliardi di dollari, mentre il marchio Apple è in cima alla classifica con un valore di quasi 105 miliardi di dollari, in aumento rispetto agli 87 miliardi di dollari del 2013.

Nel caso di Ferrari però il giudizio del brand è pieno, con il voto AAA+, lo stesso impiegato per l’affidabilità del credito delle aziende e degli stati, invece quello di Apple è stato declassato dal 2013 con AAA+ a solamente AAA nel 2014. Di tutti i 500 marchi che rientrano nella classifica Brand Finance Global 500 solamente 11 hanno ottenuto una valutazione piena top AAA+, oltre a Ferrari troviamo anche Google, Hermès, Coca-Cola, Disney, Rolex e Red Bull.

marchio Apple - Brand Finance Global 500

Pagine: 1 2

  • bravodillo

    Insomma, Ferrari batte Apple, cioè Italia batte USA in termini di (copio e incollo da sopra) “desiderabilità, alla fedeltà e la fiducia dei consumatori, all’identità visiva, dalla presenza online alla soddisfazione dei dipendenti”. Insomma Ferrari più cool, Apple più soldi.
    Ma questo si vedeva anche a occhio nudo. Da quando Apple ha abbracciato il mondo consumer, vale più soldi, ma non ha più quel fascino di una volta. È come quei cantanti e gruppi musicali che una volta raggiunto il successo con musica d’autore, poi tirano a campare con canzonette da vendere al mercato (tipo Sting, EWF, Pino Daniele…).

    • frabelli

      La Ferrari sono oltre sessant’anni che conosciuta nel mondo per le sue vetture da corsa, Apple molti ma molti di meno.

      • Appero, dal ’47

      • bravodillo

        E poi Ferrari è sempre stata una top di gamma, non ha fatto compromessi con mercati di basso profilo solo per fare cassa. Insomma una fuoriclasse con grinta e stile, fedele a se stessa e alle sue nobili origini. Se entrassero gli americani nel board, comincerebbero a produrre utilitarie tipo Smart (smart-car!), per servire wall-street, e distruggere la classe (tanto…). Sempre così Montezemolo! La classe non è acqua.

        • admersc

          Bè mi pare che anche Apple non abbia mai ceduto al desiderio di conquistare quote di mercato maggiori andando a competere nella fascia media dei mercati dove è presente o sbaglio ? Prima Jobs ed ora Cook lo hanno ribadito più volte e in tutte le salse, che c’e’ già molta spazzatura in giro e a loro non interessa competere con quel tipo di prodotti. Se poi per te, aver creato iPhone o iPad significa aver ceduto ai soldi bè, sono tue considerazioni, perchè Apple continua ad avere una quota sempre minore di quei mercati (anche se di massa), producendo solo prodotti dal costo molto elevato.

          • bravodillo

            iPhone è per la massa. Ovvio. Il 70% delle apps sono giochini. Letto qui su Macity. Poi, Sculley: Apple è una macchina da soldi. Poi leggi i nomi del board Apple e le loro biografie per farti un’idea più precisa.

    • Non è che Ferrari sia prima ed Apple ultima, eh…

      • bravodillo

        No. Ma basta essere primi per battere i secondi.

        • E non basta essere secondi per essere nessuno. Il concetto che vuoi far passare è sbagliato, perché il fatto che un marchio sia più desiderabile di un altro non significa che il secondo non sia desiderabile.

          Se la risposta alla domanda ‘Preferiresti avere un Mac o una Ferrari’ è ‘una Ferrari’, è sbagliato concludere che il Mac non abbia più l’appeal di un tempo.

          • bravodillo

            Appunto. Un Mac! Non un iPhone…