Sto caricando altre schede...

Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Internet » Apple Intelligence per migliorare naviga in Internet

Apple Intelligence per migliorare naviga in Internet

Pubblicità

Apple non utilizzerà i dati degli utenti per addestrare Apple Intelligence, a differenza della politica di OpenAI, che utilizza le sessioni di ChatGPT per migliorare il proprio modello. Lo rivela un recente documento di ricerca apparso in rete.

Apple applica protezioni aggiuntive per i contenuti web, per evitare di includere involontariamente nell’addestramento dati personali e per filtrare materiale potenzialmente offensivo.

Come Apple addestra Apple Intelligence

Lo si apprende da un documento di ricerca pubblicato questa settimana spiega come Apple addestra i propri modelli, sia su dispositivo che su server, e descrive le protezioni che l’azienda sta implementando per risolvere i problemi più comuni.

Una delle garanzie offerte è che le interazioni degli utenti con Apple Intelligence non verranno utilizzate come materiale di addestramento. Questa politica si applicherà anche all’utilizzo di ChatGPT tramite Siri in iOS 18 e macOS 15.

Tuttavia, Apple specifica che raccoglie contenuti dai siti web tramite Applebot, con i diversi proprietari dei siti che dovranno esplicitamente rifiutare questa pratica se non desiderano che ciò accada.

Applebot è il crawler web di Apple usato da anni per raccogliere dati  per aiutare ad addestrare Siri e a fornire suggerimenti in Spotlight oltre che sui dispositivi dell’utente.

Lista di attesa per Apple Intelligence in beta, forse anche dopo

Non si tratta di un sistema inusuale ma utilizzato anche da altri. I modelli di linguaggio di grandi dimensioni (LLM) come ChatGPT e Apple Intelligence vengono addestrati fornendo loro grandi quantità di testo scritto da esseri umani tra cui, appunto, quelli che sono su Internet.

Questa pratica è controversa, poiché molti contenuti scansionati sono protetti da copyright, con alcune aziende utilizzano già contenuti generati dall’AI al posto di quelli scritti da persone. In pratica, le principali critiche vertono sul fatto che molti scrittori, autori, giornalisti, vedono il proprio lavoro utilizzato per addestrare sistemi di intelligenza artificiali, gli stessi che potrebbero un giorno sostituirli.

Ricordiamo che il New York Times in quella che è stata la prima grande comtesa pubblica sul tema ha querelato OpenAI che è proprietaria di ChatGP e che a sua volta è almeno in parte controllata da Microsoft.

Come indicato nella causa legale, il New York Times afferma che i grandi modelli linguistici (LLM) di OpenAI e Microsoft, che alimentano ChatGPT, Bing Chat e Copilot, “possono generare output che riportano il contenuto del Times testualmente, lo riassumono strettamente e ne imitano lo stile espressivo”.

In sostanza si tratta di una vera e propria causa per plagio che apre la strada a molte altre. Apple non ha una Ai che genera testi (per questo sfrutta ChatGPT in un accordo di partnership), ma vuole mettersi al sicuro offrendo una sorta di “opt-out”, di possibilità di non partecipare all’operazione di miglioramento della sua tecnologia.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Le migliori offerte Prime Day

prime day bannerino

Per trovare le migliori occasioni del Prime Day: visitate questa pagina con tutte le offerte Prime Day costantemente aggiornata con tutte le news pubblicate e iscrivetevi ai nostri 2 canali telegram Offerte Tech e OLTRE TECH per le offerte lampo.
Consultate il banner in alto nelle pagine di Macitynet sia nella versione mobile che desktop: vi mostreremo a rotazione gli sconti top.
Infine a partire dalla mezzanotte del 16 Luglio vi mostriamo tutti i prodotti delle selezioni Apple, monitor, SDD etc. e qui trovate tutti i prodotti Smart Amazon in offerta anticipata

Nota: I prezzi riportati in verde sono quelli realmente scontati e calcolati rispetto ai prezzi di listino mentre il box Amazon riporta normalmente gli sconti rispetto al prezzo medio dell'ultimo mese o non riporta affatto lo sconto.

Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità