Apple riduce tutti i prezzi in Cina ma non è merito suo

Colpo di scena ma non troppo: Apple in Cina riduce tutti i prezzi. iPhone, iPad, Mac, AirPods: tutto costa meno per i consumatori cinesi

In Cina Apple offre il trade-in a tempo limitato per iPhone XR e XS

Da mercato promessa da mille e una notte improvvisamente per Cupertino il Paese del dragone è diventato una nota dolente nella trimestrale di fine 2018 a causa del repentino calo iPhone. Ora a sorpresa arriva una revisione al ribasso dell’intero listino Apple in Cina con riduzioni di prezzi per praticamente tutti i prodotti della Mela.

A partire da oggi i prodotti Apple in Cina costano meno, inclusi iPhone, iPad, Mac, AirPods. La revisione al ribasso vale anche per iPhone XS Max, Airpods 2 e tutti i prodotti più recenti introdotti dalla multinazionale di Cupertino, inclusi iPad Air e i nuovi iMac con hardware aggiornato.

Fin dai primi giorni di quest’anno abbiamo assistito a una serie mai vista di promozioni Apple in Cina, con sconti, coupon, campagne di ritiro e valutazione vecchi iPhone per l’acquisto di un nuovo modello. In alcuni casi si trattato di riduzioni consistenti, oggi per la riduzione di tutti i prezzi Apple in Cina è decisamente molto più contenuta.

Prezzi iPhone troppo alti hanno ridotto le vendite in CinaQuesto perché avviene in seguito alla riduzione dell’imposta sugli acquisti nel Paese, una manovra che il governo ha introdotto con l’obiettivo di sostenere vendite ed economia, come segnala CNBC. L’equivalente cinese della nostra IVA passa dal 16% al 13%, calo che Cupertino ha saggiamente scelto di girare interamente e direttamente ai consumatori locali.

Si tratta così di riduzioni di prezzo contenute, ciò nonostante comunque importanti per sostenere le vendite dei prodotti Apple in Cina. Per esempio iPhone XS e XS Max costano 500 Yuan in meno, circa -66 euro, gli AirPods 2 con custodia di ricarica non wireless costano 1.246 yuan (165 euro) invece di 1.279 (170 euro).

In alcuni casi anche se la riduzione dell’IVA è del 3%, Apple ha arrotondato in eccesso il prezzo di listino, risultando così in una riduzione di prezzo leggermente superiore al 3%. Per non penalizzare gli acquirenti cinesi che hanno acquistato un prodotto Apple negli scorsi giorni, la società assicura il rimborso della differenza per acquisti effettuati entro un massimo di 14 giorni fa.