Bug attivazione iOS 9.3, Apple rilascia di nuovo l’aggiornamento

Apple rilascia di nuovo iOS 9.3 per aggirare il problema di blocco alla attivazione di alcuni dispositivi più vecchi. Chi non ha avuto difficoltà, non deve fare nulla.

Apple questa sera ha rilasciato un nuovo installer di iOS 9.3 per ovviare al problema di attivazione del dispositivo che ha colpito alcuni utenti che hanno aggiornato alla nuova versione del sistema operativo.

Il bug si manifesta specialmente su alcuni dispositivi più vecchi che vengono bloccati nel processo di aggiornamento. A lamentarsi del problema sono stati specialmente le persone in possesso di iPad 2, che hanno installato l’update OTA (over-the-air). Nella maggior parte dei casi il blocco sembrerebbe presentarsi durante la fase di attivazione, quindi a installazione completata, con una serie di avvisi di errata autenticazione quando si inseriscono le proprie credenziali di accesso.

Apple ha immediatamente ammesso il problema, suggerendo alcune soluzioni alternative, poi ha ritirato l’aggiornamento, rilasciandolo poco dopo per iPad 2, ma mancavano all’appello quelle di iPad 3, 4 ed Air, oltre alle nuove versioni per iPhone 5s e precedenti generazioni.

iOS-9.3-beta-3-main-635x394

L’update a 9.3 rilasciato oggi, porta ancora lo stesso numero (9.3, appunto), ma ha un nuovo numero di build (13E5237). Se siete tra coloro che hanno avuto il dispositivo bloccato durante l’aggiornamento è possibile che dobbiate mettere l’iPhone o l’iPad in modalità DFU e usare il download via iTunes. Ovviamente se avete finito l’aggiornamento, non avete necessità di fare nulla.

Ricordiamo che quello del mancato completamento dell’aggiornamento non è l’unico problema in cui è incorsa Apple con il lancio di iOS. Uno altrettanto se non più preoccupante perchè pare colpire un campione più vasto di utenti, è quello che manda in crash le applicazioni quando si clicca su un link. Anche qui Apple ha ammesso di essere  a conoscenza delle difficoltà che stanno incontrando alcuni sui clienti e di essere al lavoro per fare fronte ad esse, magari con un aggiornamento alla versione 9.3.1