fbpx
Home Macity Internet Contact tracing coronavirus, il Regno Unito passa alle API di Apple e...

Contact tracing coronavirus, il Regno Unito passa alle API di Apple e Google

Il governo della Gran Bretagna aveva deciso di fare da solo per l’app di contact tracing anti-coronavirus ma ha cambiato idea e ora si è deciso di sfruttare le interfacce di programmazione (API) di Apple e Google.

A complicare una giù tortuosa vicenda è l’ultimo annuncio del governo del Regno Unito nel quale si spiega che l’app con tecnologia sviluppata “in casa” sarà abbandonata in favore del modello decentralizzato permesso dalle API di Apple e Google. Il Ministro della Sanitá, Matt Hancock, sembra un po’ voler girare la frittata affermando che la transizione sarà semplice perché nel frattempo sono stati appoggiati due progetti, testando anche il sistema permesso dalle API di Apple e Google.

L’app per il tracciamento dei contatti (contact tracing) del Regno Unito mira (mirava?) a fare affidamento ad una soluzione centralizzata (i dati vanno a finire su un server unico), l’esatto opposto della tecnologia proposta da Apple-Google (decentralizzata, nella quale nessuno ha accesso ai dati di tutti).

Hancock ha riferito che il National Health Service (NHS, il sistema sanitario nazionale), lavorerà per “combinare” la sua tecnologia di individuazione della prossimità con il sistema di Apple e Google. “Abbiamo deciso di unire le forze con Google e Apple per sfruttare al meglio i due sistemi insieme”.  Le affermazioni di Hancock hanno colto di sorpresa Apple e un portavoce della Mela ha dichiarato a The London Times di non sapere cosa intende dire Hancock quando questo fa riferimento a un “modello ibrido” e che nessuno in azienda ha parlato con i rappresentanti del Sistema Sanitario.

Tracing contatti coronavirus, il governo francese chiede a Apple di modificare le restrizioni Bluetooth su iPhone

Secondo Hancock sia l’app predisposte dal governo, sia il sistema di Apple-Google, presentano debolezze ma a suo dire queste deriverebbero da limitazioni imposte da Apple. “Abbiamo constatato che la nostra app funziona bene sui dispositivi Android ma il software Apple impedisce di usare efficacemente l’iPhone per il tracciamento dei contatti a meno che si stia usando la tecnologia di Apple”, ha riferito Hancock. “La loro app non misura abbastanza bene le distanze rispetto ad uno standard fissato”.

Apple mette in dubbio le affermazioni del ministro. “È difficile comprendere queste affermazioni giacché non hanno parlato con noi”, ha riferito il portavoce della Mela; “ma l’app è stata scaricata sei milioni di volte in 24 ore in Germania, in Italia è in distribuzione su larga scala da lunedì, il governo olandese e quello irlandese le usano, e non vi sono state lamentele relative sulla rilevamento della prossimità”.

Bozza automatica

Per tutti i dettagli su Immuni, l’app scelta dal Governo per per aiutarci a combattere l’epidemia di COVID-19 usando il Bluetooth, fate riferimento a questo articolo.


Tutti gli articoli di macitynet che parlano della pandemia coronavirus e degli impatti sul mondo della tecnologia, del lavoro e della scuola a distanza, oltre che sulle soluzioni per comunicare da remoto si parte da questa pagina.

Offerte Speciali

iPad Pro 11″ 256 GB scontato su Amazon: 949 €

iPad Pro 11″ 1 TB GB , minimo storico: 1018 euro

Su Amazon iPad Pro torna al prezzo minimo nella sua versione da 1TB GB cellular con schermo da 11 pollici. Lo pagate solo 1018 euro, quasi il 25% in meno del prezzo di listino
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,883FansMi piace
93,611FollowerSegui