Google ferma lo sviluppo della sua auto a guida autonoma

Big G ha fermato lo sviluppo di una sua auto a guida autonoma. L'azienda punta ora a collaborazioni con i costruttori di vetture tradizionali, forse anche al fine di lanciare un servizio di ride-sharing entro il 2017

Google Car

Google ha riposizionato i suoi obiettivi nel campo degli autoveicoli e avrebbe abbondonato l’idea di produrre una sua auto senza volante e pedali. Lo riferisce The Information spiegando che l’azienda punta ora a collaborazioni con i produttori di auto per vetture più tradizionali, forse anche al fine di lanciare un suo servizio di ride-sharing entro la fine del prossimo anno.

Fiat Chrysler Automobiles (FCA) sta lavorando a un nuovo prototipo di veicolo per Google sfruttando come base il nuovo Mini-van Pacifica; se i test andranno a buon fine, il modello in questione sarà usato nel servizio commerciale che hanno in mente i dirigenti di Big G. Le due aziende, lo ricordiamo, a maggio di quest’anno hanno annunciato un’alleanza per collaborare nella progettazione e realizzazione delle auto a guida autonoma; già all’epoca dell’annuncio era stato detto che l’accordo prevede per la realizzazione di cento prototipi di auto a guida autonoma a partire da altrettanti esemplari di Chrysler Pacifica che FCA mette a disposizione di Google. In pratica Google mette a disposizione i software di gestione, e FCA le sue competenze nella costruzione di auto, la sua rete di distribuzione e vendita.

A decidere i cambiamenti nella strategia nel settore sarebbe stato il CEO di Alphabet Larry Page e il CFO Ruth Porat, entrambi arrivati alla conclusione che la produzione di una propria auto a guida autonoma sarebbe una soluzione impraticabile. Non tutti avrebbero gradito la mossa, in particolare all’interno di Chauffeur, la divisione dei Google X che si occupa di auto; anche il co-fondatore di Google, Sergey Brin, era favorevole allo sviluppo di una propria auto dall’inizio alla fine.

auto a guida autonoma Google Car