HomeHi-TechFuturoscopioInfondate le ...

Infondate le voci su imminente sbarco su iTunes dei Beatles

“Infondate”. Ecco come Apple Corps., la società  che si occupa di curare gli interessi e l’immagine dei Beatles, le notizie secondo cui la musica del gruppo di Liverpool sarebbe destinata a sbarcare a breve su iTunes Store. La smentita alle voci di ormai raggiunto accordo in questo senso arriva dal sito di Billboard , una fonte piuttosto affidabile quando si tratta di spettacolo e in special modo, musica. “Non si tratta né di uno scoop, né di una notizia solo di voci infondate”, ha detto un portavoce di Apple Corps. facendo riferimento a quanto aveva raccontato nel fine settimana la stampa britannica.

I giornali inglesi sostenevano che a dare la spinta definitiva allo sbarco dei Baeatles su iTunes sarebbe stato il divorzio di Paul McCartney dalla sua ultima moglie Heather Mills. Per liquidare la consorte il “Macca” avrebbe deciso di concludere l’affare, portando a casa una consistente nuova fetta di profitti che oggi mancano al portafoglio dei Fab Four, visto che non esiste ancora alcuna versione in digitale della loro musica e visto che è opinione comune che dalla commercializzazione su Internet dei loro brani, i Beatles potrebbero spuntare un bel gruzzolo di denaro.

Come notato anche nel nostro articolo, però, la costruzione logica allestita dai giornali britannici vacillava in più punti. McCartney non è in grado, da solo, di prendere una decisione di questa portata, visto che pur essendo parte dei Beatles i diritti della loro musica sono gestiti da una società  ad hoc di cui fanno parte anche Ringo Start e gli eredi di Harrison e Lennon. In aggiunta a questo, visto che la liquidazione della Mills prevedeva una quota parte anche di introiti futuri, McCartney non avrebbe alcuna ragione di accelerare la commercializzazione della musica in digitale.

Voci sullo sbarco di un accordo tra i Beatles ed Apple si rincorrono da tempo, da quando le due parti si sono accordate su un caso di lungo corso che coinvolgeva l’uso del nome “Apple”.
Da allora però gli unici passi concreti compiuti in questa direzione sono lo stabilimento di una solida alleanza tra Apple ed Emi, che pubblica le canzoni dei Beatles, e la sostituzione di Neil Aspinall, il più risoluto detrattore alla scelta di digitalizzare la musica, con il più morbido e moderno Jeff Jones.
Nel corso dei mesi passati, poi, diversi membri dei Beatles, compreso lo steso McCartney, hanno lasciato intendere che per vedere la musica del gruppo on line manca poco; il passo decisivo sarà  la riedizione in digitale di tutto il catalogo, un’operazione che è in corso e che dovrebbe concludersi entro l’anno, magari per una edizione speciale che potrebbe uscire verso la fine dell’anno.
Il 2008 era stato indicato come l’anno più probabile sia da McCartney che da Olivia Harrison, vedova di George Harrison.

Offerte Speciali

MacBook Air da 15" sono già ordinabili su Amazon

MacBook Air da 15″ sono già ordinabili su Amazon

Su Amazon sbarcano i MacBook Air da 15". Spediti il 13 giugno saranno a casa vostra allo stesso prezzo e alle stesse condizioni di Apple Store
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità