Home Hi-Tech Finanza e Mercato iPad in Cina perde terreno

iPad in Cina perde terreno

iPad in Cina perde significative quote di mercato tablet nel secondo trimestre 2013 mentre Samsung e decine di produttori locali crescono esponenzialmente nelle vendite di smartphone e tablet frenando la crescita nelle spedizioni iPad.

In base ai dati di Dickie Chang, un analista di IDC, iPad in Cina ha rappresentato il 28% delle spedizioni di tablet nel corso del periodo preso in esame, in calo del 49% rispetto all’anno precedente. Samsung è salito al secondo posto con l’11%

Il calo di quote di mercato si verifica in un mercato in espansione e che si sta frammentando. Lo stesso iPad in Cina fa segnare un +28% di vendite con a 1,48 milioni di unità; ma le sedizione di Samsung però sono più che quadruplicate a 571.000 e quelle di Lenovo raddoppiate a 413.000. Gran parte della quota di mercato di Apple è andata perduta per opera delle piccole imprese cinesi: i produttori di tablet con 1% del mercato o meno collettivamente hanno rappresentato il 50% delle spedizioni nel secondo trimestre, rispetto al 36% di un anno prima.

Fra questi, marchi come Onda e Aigo, produttori che vendono tablet, spesso regalati o offerti in omaggio a prezzi irrisori. Tali produttori sono in grado di sfruttare la stessa catena di approvvigionamento a Shenzhen, che produce componenti per molti tablet di marca e quindi copiare il modello di business che ha permesso a centinaia di produttori di smartphone di fiorire in Cina, favoriti dal fatto che i consumatori cinesi, il più grande mercato per Apple al di fuori degli Stati Uniti, si stanno rivolgendo ai tablet più economici che utilizzano il sistema operativo Android. Questo fenomeno si è già verificato nei mesi scorsi danneggiando pesantemente il mercato iPhone.

Brand locali, come Ramos e Teclast oltre ai più conosciuti nomi come Samsung e Lenovo Group stanno crescendo nella vendite sostituendosi nelle quote una volta dominate dai risultati di iPad in Cina. Lenovo è stato il terzo attore nel mercato dei tablet, con l’8% per cento, sceso di un punto percentuale rispetto all’anno precedente.

Seconod Shaun Rein, amministratore delegato di China Group Market Research di Shanghai, Apple avrebbe perso il suo lustro in Cina negli ultimi sei mesi, non è più il brand “da avere” in nessuna categoria. I consumatori ora sono sensibili al prezzo, mentre prima la gente era anche decisa a saltare il pranzo per potersi permettere un iPad.

ipad in cina

Offerte Speciali

Minimo storico per MacBook Air M1 256 GB: 1037,00 €

MacBook Air M1 256 GB nei colori argento e oro torna al minimo storico: 977 euro

Il portatile più ricercato della nuova ondata di Mac in offerta con uno sconto che lo porta per la prima volta a 977 euro
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,767FansMi piace
90,955FollowerSegui