fbpx
Home Macity Apple Outdoor, Auto, Moto e GPS Le migliori Dashcam: la guida di Macitynet

Le migliori Dashcam: la guida di Macitynet

Non importa quanto guidiate in modo sicuro, perché non vi è alcuna certezza che riusciate a tenervi per sempre alla larga da un incidente in strada. La nostra non è una macumba (ci teniamo ai nostri lettori, altrimenti poi chi visita il nostro sito?) ma la semplice realtà dei fatti e quel che è peggio è che è colpa di terzi, allora tutto diventa ancora più frustrante.

Far prevalere la propria versione dei fatti alla polizia o alla propria compagnia assicurativa non è un gioco da ragazzi se non si hanno le prove per sostenere la propria tesi. E qui entra in gioco la dashcam.

Guida alle migliori dashcam

Cos’è una dashcam

Secondo Wikipedia «La dashcam, contrazione di “dashboard camera” (telecamera da cruscotto) chiamata anche DVR auto, è un dispositivo elettronico per l’acquisizione di immagini, applicabile sul parabrezza dei veicoli al fine di registrare gli eventi che accadono all’esterno della vettura nella direzione in cui tale dispositivo è rivolto, oppure per riprendere la cabina del mezzo e in questo caso prendono anche il nome di taxicam».

In pratica è come un’action camera, una piccola telecamerina da montare sul cruscotto o sul parabrezza con l’obiettivo rivolto verso l’esterno per registrare tutto quel che accade durante la guida. Si accende prima di partire e non si deve pensare a nient’altro perché sarà la camera stessa a regolare automaticamente le impostazioni per una migliore esposizione della luce e catturare quanti più dettagli possibili.

Le migliori Dashcam: la guida di Macitynet

E’ legale in Italia?

Nonostante i ben noti problemi di privacy nella registrazione di foto e video in pubblico, sì, la dashcam è legale in Italia, a patto che si rispettino alcune precise condizioni descritte nella normativa vigente in materia di protezione dei dati personali, di videosorveglianza, di documenti, provvedimenti e chiarimenti espressi dal Garante per la protezione dei dati personali.

L’uso di una dashcam da parte di persone fisiche è praticamente consentito per fini esclusivamente personali, purché i dati registrati non vengano comunicati sistematicamente ma siano unicamente utilizzati per la protezione e tutela della persona in caso di incidenti od altri eventi significativi durante la circolazione stradale. In questo caso infatti l’uso non rientra nel campo di applicazione del Codice in materia di protezione dei dati personali.

Le migliori Dashcam: la guida di Macitynet

Perché comprarla?

Perché in questo modo sarà possibile tutelare se stessi, la propria patente ed il veicolo. Avere infatti a disposizione un video che mostri quanto realmente accaduto consente una ricostruzione fedele della realtà, di conseguenza una protezione personale in ambito anche legale sia sul piano civile (richiesta di risarcimento danni), sia su quello penale ed amministrativo.

Per fare qualche esempio pratico, in caso di sinistro sarà possibile ricostruire facilmente la dinamica dell’evento, oppure in caso di danni al veicolo sarà possibile dimostrare la presenza di un’insidia stradale. Ma una dashcam è utile anche in caso di truffa, (truffa dello specchietto, incidente fantasma, finto tamponamento) per evitare di essere vittima di raggiro, o in caso di segnali stradali occultati oppure assenti, per dimostrare la reale situazione e richiedere l’annullamento del verbale.

Durante la corsa si possono registrare cambi di corsia improvvisi o l’uscita da una rotatoria non segnalata, il passaggio col semaforo rosso, un sorpasso su striscia continua, un mancato rispetto della distanza di sicurezza, una mancata precedenza o un uso improprio degli indicatori di direzione da parte di terzi, senza dimenticare l’attraversamento dei pedoni che non prestano attenzione ai veicoli in transito o a quelli che camminano fuori dal marciapiede, per non parlare poi dei ciclisti contromano.

Le migliori Dashcam: la guida di Macitynet

Cosa considerare nell’acquisto di una dashcam

Prima di comprarne una, è bene capire cosa deve avere una dashcam per fare il suo dovere. In breve:

  • Video di buona qualità – maggiore è la risoluzione, migliore sarà la qualità complessiva della ripresa, permettendo eventualmente di fare uno zoom sul numero di targa o cogliere particolari che una videocamera con bassa risoluzione non sarebbe in grado di mostrare.
  • Registrazione ciclica – di norma cel’hanno quasi tutte ma è sempre meglio assicurarsi che ci sia l’opzione per registrare video ciclicamente ed in maniera del tutto automatica. Questa opzione consente di registrare brevi clip da 1-3-5 minuti in sequenza per evitare così che un file corrotto comprometta la registrazione di un intero viaggio. Inoltre, nel momento in cui la memoria della scheda sulla quale vengono archiviate la registrazioni si sarà riempita, il sistema cancellerà automaticamente le vecchie clip per fare spazio alle nuove. Così, le ultime riprese ci saranno sempre e non si correrà il rischio di non registrare proprio l’incidente appena avvenuto.
  • Registrazione di emergenza – alcune telecamere hanno accelerometro e giroscopio che avviano automaticamente la registrazione nel momento in cui viene rilevato un movimento anomalo della vettura: questa opzione è fondamentale per assicurarsi di registrare l’incidente nel caso in cui ci si dimentichi di accendere la videocamera prima di mettersi alla guida.

Le migliori dashcam 2019

Anker Roav C1

Le migliori Dashcam: la guida di Macitynet

Questa dashcam – la recensione di Macitynet la trovate qui – utilizza la tecnologia Nighthawk Vision per assicurare registrazioni Full HD 1080p a 30fps con la migliore esposizione in qualsiasi momento del giorno. L’apertura della lente f/1.8 e la scansione progressiva Wide Dynamic Range (WDR) assicurano un video senza sfocature.

Composte da 6 elementi, le lenti della fotocamera grandangolare integrata catturano fino a 4 corsie dando una visione completa delle condizioni della strada. Il design di questa dashcam è studiato per far sì che essa operi senza causare nessuna distrazione alla guida: con le sue dimensioni compatte si applica dietro sul parabrezza e si nasconde dietro lo specchietto retrovisore.

Quando l’auto è parcheggiata, l’accelerometro della dashcam rileva i movimenti improvvisi, per esempio l’urto di un altro veicolo, e avvia automaticamente la registrazione. Tutti i file possono poi essere visionati direttamente sullo smartphone (iPhone e Android) grazie al collegamento WiFi tramite un’app.

Si compra su Amazon al prezzo di 84,99 euro.

Aukey Dashcam DR02

Le migliori Dashcam: la guida di Macitynet

Macitynet l’ha recensita a questo indirizzo. E’ realizzata completamente in policarbonato, dunque molto leggera ma resistente. E’ installata su un supporto mobile che si inclina di 90 gradi, per meglio adattarsi praticamente a qualsiasi parabrezza. Su di un lato presenta uno slot microSD per l’archiviazione delle registrazioni e il foro del microfono, mentre dall’altro c’è un piccolo pulsante per il Reset.

Sul lato posteriore ci sono gli ingressi miniUSB per l’alimentazione e la presa jack da 3.5mm per il collegamento del ricevitore GPS, sulla facciata anteriore c’è l’aggancio per la clip con adesivo 3M da installare sul parabrezza, dall’altro un piccolo display LCD per guardare in tempo reale l’inquadratura della telecamera e gestire le opzioni del menù attraverso i quattro pulsanti incassati sul bordo inferiore.

Il funzionamento della dash cam è assolutamente semplice. Nel momento in cui si accende l’automobile, automaticamente la dashcam prenderà l’alimentazione necessaria dalla batteria e si accenderà di conseguenza. Registra in Full HD a 60 fps, ma la camera può in realtà registrare anche a risoluzione maggiore, cioè in 2K a 2160p e 24 fps. La qualità è molto buona, l’angolo di campo è ampio (170 gradi) e il livello di dettaglio è tale da permettere di leggere perfettamente la targa di un veicolo che si trova a 10-15 metri di distanza, che è quel che conta davvero in caso di sinistro.

Si compra su Amazon al prezzo di 69,99 euro.

Cacagoo CA07

Le migliori Dashcam: la guida di Macitynet

Per capire nel dettaglio di cosa si tratta e vedere come va, cliccate qui: nella nostra recensione trovate informazioni aggiuntive e test sul campo. In breve si posiziona sul parabrezza in modo da garantire un’ottima visibilità della strada e la camera registra tutto quel che accade intorno a voi. Grazie all’accelerometro si può anche abilitare la registrazione in caso di movimento, così i file verranno acquisiti soltanto nel momento in cui la telecamera rileverà il movimento dell’abitacolo.

Questa dashcam registra su scheda microSD e cancella automaticamente i file più vecchi quando la memoria è satura: insomma non bisogna far nulla, se non installarla e collegarla all’alimentazione.

Si compra su Amazon al prezzo di 58,99 euro.

YI Dash Camera

Le migliori Dashcam: la guida di Macitynet

Si tratta di una dashcam Full HD – recensita da Macitynet a questo indirizzo – in grado di registrare  immagini a 1080p a 30 fotogrammi al secondo utilizzando lenti grandangolo da 130° con ampia apertura focale f. 2.0.

La camera registra anche in notturna e gode di un ampio schermo LCD, che consente un rapido accesso a tutte le sue funzioni. Il display ha una diagonale da 2.7 pollici, così da fornire una chiara anteprima in tempo reale, senza però risultare d’intralcio per via di dimensioni complessive contenute.

YI Dash Camera ha un design intelligente che consente una ventilazione dall’alto e dal basso così da mantenere il raffreddamento della camera ed aumentare la sua durata di vita. Il colore nero la rende facilmente mimetizzabile e adatta per gli interni di qualunque auto. E’ possibile collegarla tramite apposita app YI Dash allo smartphone, così da poter scaricare e condividere i video, sia divertimento che per finalità assicurative.

Si compra su Amazon al prezzo di 36,99 euro.

Kenwood DVR-830

Recensione Kenwood DVR-830, la Dashcam deluxe per chi non si accontenta

La Kenwood DVR-830 – recensita da Macitynet a questo indirizzo – è una dashcam estremamente performante e full optional. Dal punto di vista meccanico si tratta di un modello con fotocamera 2K (2560×1440) da 3 pollici con obiettivo grandangolare 144° e HDR. GLi due slot per le Micro SD permettono la registrazione sino a 128GB ciascuno, e l’ottimo software permette di ridurre l’impatto della registrazione sia abbassando la risoluzione che il framerate.

Il sensore G a 3 assi integrato permette di rilevare praticamente tutto, dall’urto alla piccola scossa, dal cambio di corsia alla brusca frenata. In parcheggio una volta acceso il motore, è attento al passaggio di pedoni e avvisa l’utente con un beep sonoro.

Particolarmente utile è il software di controllo Drive reviewer, che anhce per Mac permette di vedere tutte le sequenze registrate, manaulmente oppure automaticamente, e di tracciare in tempo reale per ogniuna di essere tutti i dati del GPS, della velocità e degli assi.

Si compra su Amazon al prezzo di 199,99 euro.

Offerte Speciali

Apple Watch 5 GPS+Cellular, sconto su Amazon

Su Amazon Apple Watch 5 con rete cellulare è in sconto. La versione alluminio rosa a quasi 45 euro in meno del prezzo di mercato
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,432FansMi piace
95,288FollowerSegui