Spotify testa i brani sponsorizzati nelle playlist degli utenti non abbonati

Spotify sta testando una nuova funzionalità pubblicitaria, i brani sponsorizzati, direttamente nelle playlist degli utenti non abbonati

Daniel Ek, co-fondatore e CEO di Spotify
Daniel Ek, co-fondatore e CEO di Spotify

Gli utenti di Spotify hanno da qualche giorno iniziato a notare una nuova impostazione sia su desktop che in-app: si tratta delle “sponsored song”, ovvero i brani sponsorizzati. I contenuti sponsorizzati in generale non sono nuovi per Spotify, ma questa è una nuova funzione che permette alle etichette discografiche di promuovere singole canzoni, per ora solo ad alcuni utenti non abbonati.

I brani sponsorizzati non appaiono come banner come gli annunci esistenti della piattaforma, ma sono integrati nelle playlist. Le canzoni vengono scelte per adattarsi ai gusti esistenti di un utente, sono immediatamente riproducibili e possono essere salvate con un semplice click.

Questa nuova impostazione può essere scovata all’interno del menu “Mostra brani sponsorizzati”; è un’impostazione abilitata di default su Spotify, può essere disattivata ma è necessario entrare nel menu impostazioni e farlo manualmente. Questa opzione verrà mostrata sia per gli utenti premium che per gli utenti non paganti, ma l’effettiva attivazione del servizio avverrà solo per chi non è abbonato e sfrutta Spotify nella sua versione gratuita.

Spotify continua a cercare ulteriori flussi di denaro in vista della sua quotazione in borsa prevista entro la fine dell’anno in corso; anche se la società ha recentemente annunciato 140 milioni di utenti attivi, Spotify ha registrato una perdita operativa di 389 milioni di dollari nel 2016.