77 milioni di quadri di Brian Eno

di |
logomacitynet696wide

Brian Eno “inventa” il quadro camaleontico digitale: milioni di differenti composizioni con un DVD che manda immagini in lenta sequenza accompagnate dalla sua musica. “E di tutto dico grazie al Mac”, dice il musicista inglese.

Un DVD che mostra immagini in sequenza, con l’accompagnamento di musica d’autore. Ecco il nuovo concetto d’opera d’arte studiato da Brian Eno per il quale il Mac ha un ruolo fondamentale.

Il musicista inglese (dagli anni ’70 con i Roxy Music, ma anche produttore di Talking Heads, David Bowie e U2), ha, in pratica, creato una sequenza di immagini in Dvd che si succedono in maniera praticamente infinita e in lentissima dissolvenza.

“L’idea – dice Eno – è quella di non avere un buco nero in salotto, la televisione, ma una fonte luminosa, che diffonda una musica rilassante.
Prima si facevano le installazioni, ma ora due cose sono cambiate: computer sempre più potenti, e monitor sempre più grandi e brillanti. Una volta, finita l’installazione, si smontava, e l’effetto visivo svaniva. Oggi c’è la possibilità  di portarsi a casa questa installazione”

Il tutto è stato reso possibile, come accennato, dall’uso del Mac. “Non riesco a immaginare come riuscirei a lavorare, se non avessi un Mac. Sono molto contento di come funziona l’interfaccia. Il mio rapporto con un computer è quello che per me conta di più, ed è molto facile avere una bella relazione con il Mac”

Il Dvd costa 17 sterline (circa 25 euro)

Per maggiori informazioni 77millionpaintings.com
[A cura di Iain Antony]