“Aggiornamento software” diventerà  un negozio?

di |
logomacitynet696wide

Apple si prepara ad usare aggiornamento software per vendere applicazioni e update. La scoperta in alcune stringhe di testo del sistema operativo. Un nuovo potente strumento per il marketing e il profitto.

Apple potrebbe utilizzare “Aggiornamento Software” per vendere applicazioni e update. L’indiscrezione trapela da alcuni utenti che, scavando tra le risorse del sistema, si sono imbattuti in segnali inequivocabili della nuova funzionalità  non ancora implementata ma già  prevista.

Secondo quanto riferiscono diversi siti dediti alle indiscrezioni aprendo il file English.lproj Localizable.strings si legge: “Per acquistare software dovete possedere un account abilitato a 1-click. Se non avete un account lo potete creare in pochi minuti facendo click su set up”.

Sempre frugando tra le risorse si apprende anche che i membri di .Mac avranno benefici quali “sconti e software gratuito” (cosa che già  del resto avviene per alcune limitate offerte).

La notizia secondo cui Apple intende rinnovare “aggiornamento software” per trasformarlo in un sistema per la vendita di applicazioni e di update non giunge inattesa. Da tempo diversi siti dediti alle indiscrezioni avevano avanzato questa ipotesi. Ottenuta quella che appare una conferma piuttosto attendibile resta da vedere come Apple impiegherà  la funzione le cui prospettive appaiono particolarmente interessanti.

Ad esempio potrebbe infatti utilizzarla per vendere non solo suoi prodotti ma anche quelli di terze parti. Ad esempio potrebbe essere possibile per Apple instaurare un sistema del tutto simile a quello attualmente in uso per il sistema operativo o per le iApps anche per applicazioni commerciali. Una volta disponibile un update potrebbe apparire un pop up o l’applicazione figurare tra quelle aggiornabili via software update segnalando anche il prezzo. Apple venderebbe poi per conto della terza parte l’update, incamerando una provvigione giustificata dall’offrire un canale privilegiato per arrivare ai desktop degli utenti Mac.