Apple Store, disfa Microsoft (questa volta) fa

di |
logomacitynet696wide

Comprare una licenza di Office 2001 per studenti su Apple Store pare non essere facilissimo. C’è chi ha passato giorni al telefono senza avere risposte dopo avere ricevuto un codice sbagliato. E se non ci fosse statata Microsoft…

Comprare un licenza di Office di Microsoft presso AppleStore e trovarsi calati in una brutta avventura dalla quale si esce solo con l’assistenza di Microsft. Una esperienza che un “vero” utente Apple e i più strenui difensori della piattaforma non vorrebbero mai passare. Eppure anche questo è capitato ad un lettore del nostro sito che ci ha raccontato la sua esperinza fatta di inefficienza (da parte di Apple Store) e puntualità  (da parte di Microsoft)
Tutto è cominciato quando, vista la comparsa su all’Apple Store del pacchetto Office 2001 al prezzo di 299.000 + IVA (358.800) con spedizione gratuita riservato a studenti e professori, un nostro lettore ha deciso per l’acquisto.
Nel sito è anche spiegato che l’acquirente non riceverà  il software, ma soltanto dei documenti da compitare e rispedire al mittente per vedersi recapitare in breve tempo il software su CD.
Allettato dall’offerta e bramoso di avere tra le mani prima di Natale una copia di Office 2001, il nostro amico effettua l’ordine con carta di credito. Il giorno stesso riceve una mail da Apple con la conferma dell’ordine, il giorno successivo un messaggio che conferma l’avvenuta spedizione. Dopo altri 5 giorni il pacchetto arriva a domicilio.
Che efficienza, che soddisfazione, viene da pensare, ma i guai devono ancora cominciare.
Il nostro corrispondente non sta nella pelle e apre subito il pacco… Prima delusione: la confezione è la stessa facilmente reperibile nei negozi di tutte le città : è quella vecchia per la licenza Studenti di Office 2000 o di Office 98 per Mac… La fortuna vuole che il nostro amico conservi tutto e così si accorge che sul cellophane che avvolge la scatola è applicata un’etichetta con codice a barre che reca scritto “Office 2001 Student License UK”.
Forse le cose si mettono meglio. Invece no. All’interno della scatola c’è il solito numero, che Microsoft chiama PID KEY, da usare per l’ordine tramite web. L’amico studente va al sito suggerito (http://studentlicence.one.microsoft.com), ma come aveva iniziato a temere, la seconda schermata, quella a cui si accede dopo l’inserimento del PID KEY, consente soltanto di scegliere tra Office 2000 Professional per Windows e Office 98 per Macintosh.
Lo studente non si perde d’animo e prova a contattare l’Apple Store attraverso i numeri indicati nelle citate mail di conferma. In una è indicato:
Telefono: 167-640846, dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00 e il sabato dalle 10.00 alle 17.00.
Peccato che i numeri verdi con 167 non esistano più da molto!
Nell’altro messaggio il numero è corretto: 800-640846, ma a rispondere è una pessima registrazione anche al sabato tra le 10 e le 17 a differenza da quanto indicato nella e-mail.
Ogni tentativo di lasciare un messaggio alla segreteria telefonica è stato vano: sia dettando il numero in italiano, sia in inglese una voce femminile invita parlare nella propria lingua… quale? Poi aggiunge di usare la tastiera del telefono per comunicare il proprio numero. Ma allora non dovevano dire “Diteci il vostro numero”, ma “Digitate il vostro numero”… ecco perché la vocina inglese corregge quella maschile baritonale italiana!!! Non era più facile registrare di nuovo il messaggio?
Passa un giorno e il nostro amico riesce a parlare con Microsoft e i problemi vengono magicamente risolti.
Nessun problema basta cancellare la dicitura Office 98 e scrivere Office 2001 nel modulo contenuto nella scatola e inviarlo via fax al numero comunicato dalle gentile signore del numero verde.
Il numero verde a cui chiedere conferma è: 800 876 027.
Nei mesi scorsi il nostro sito ha ricevuto parecchie segnalazioni di inefficienza nel supporto telefonico da parte di AppeStore. Responsabili che non parlano o parlano male la nostra lingua attese (letteralmente) di ore per avere una risposta, linea che non si prende, incompentenza nel fornire risposte a domande banali. Questo citato è un altro esempio che mette ancora più in luce le lacune del servizio, anche perchè in questo caso il confronto è con Microsoft che questa volta batte Apple 2-0

[A cura di Beniamino Cenci Goga]