California: in arrivo una “iTax” sulla musica digitale online?

di |
logomacitynet696wide

Lo Stato californiano vorrebbe modificare l’attuale legge fiscale, in modo da poter tassare anche la musica digitale venduta online, iTunes primo fra tutti. Apple, per ora, non commenta la voce.

Una nube inizia a stagliarsi sul cielo della California, una nube che potrebbe minacciare l’iTunes Store e tutta la musica digitale consumata nello Stato americano.

Una delle caratteristiche della musica scaricata online è che si tratta di un bene intangibile: non si può né vedere, misurare, pesare, sentire o toccare. Lapallissiano, giusto? Esatto; peccato che tali caratteristiche ne facciano un bene esentasse.

Secondo la legislazione californiana, infatti, solo i beni dotatati delle suddette caratteristiche possono essere soggetti a tassazione. Lo stato della California “vanta” un deficit di 8 miliardi di dollari, e ha pensato bene di tentare di introdurre una novità : modificare la legge in modo che anche la musica digitale possa essere considerata un bene tassabile, così da imporre un pagamento anche su ogni singolo brano reperito dalla rete, su iTunes Store o altri negozi digitali.

Molti promotori di tale iniziativa giustificano la loro battaglia sostenendo che, mentre lo stile di vita, le abitudini consumistiche e il modello economico sono cambiati, così non è stato per la legge, ferma ancora al 1930.
Il discorso non fa una grinza; la legge potrebbe farla invece, visto che un negozio digitale può essere “spostato” a piacimento, non dovendo per forza risiedere in California.

La soluzione proposta per evitare il “trasloco” virtuale allo scopo di sfuggire alle imposte? Basta che gli utenti californiani facciano prefessione di onestà , dichiarando ogni singolo aquisto e preparandosi a sborsare quanto dovuto al fisco. Proposta tanto ottimistica da apparire quasi ridicola.

Contattata per un commento, Cupertino non ha risposto, sebbene alcune voci ritengano che Apple fosse già  informata dell’intera faccenda. Per ora è troppo presto probabilmente anche per commentare, almeno fichè tutto resterà  sempre sulla carta.