IBM: faremo processori da 10 GHz

di |
logomacitynet696wide

Big Blue annuncia: “con le nuove tecnologie faremo processori da 10 GHz entro dieci anni”. I produttori di PC, che temevano che fosse giunto il momento di trovare altri sistemi per aumentare la velocità dei desktop respirano. Apple anche…

Dieci GHz, questa sarebbe la velocità  massima che poranno raggiungere i processori di IBM nei prossimi anni grazie alla combinazione di varie tecnologie o in corso di sperimentazione o già  da oggi disponibili. L’annuncio, stato fatto ieri da Big Blue nel corso di un incontro che si è tenuto alla Internatinal Electron Devices di Santa Clara, fa tirare un sospiro di sollievo al mondo informatico che temeva che si avvicinasse a grandi passi la barriera fisica insormontabile che impedirà  lo sviluppo progressivo e costante delle velocità  dei processori.
Questa barriera, sostengono alla IBM, esiste e prima o poi ci si parerò davanti, ma non tanto presto. Forse tra una decina d’anni. prima di allora IBM conta di implementare nuovi sistemi in grado, appunto, di portare i suoi PPC fino a 10 GHz in un chip con 400 milioni di transistors contro i 1.5 GHz e i 42 milioni di transistor di un Pentium 4 di oggi.
La miniaturizzazione farà  la sua parte in tutto questo riducendo i circuiti dai 0.13 micron della prossima generazione a 0,07 micron nel 2007, lo spazio interno dei transistor dove viene controllato il flusso elettrico sarà  di 30 nanometri in cui ci sarà  spazio solo per tre atomi, uno di ossigeno, uno di silicio e uno di ossigeno. I chip saranno stampati usando non più la luce a spettro visibile ma la luce ultravioletta che consentirà  livelli di precisione e miniaturizzazione molto più elevata e il tantalo sostituirà  il silicio.
Ieri, intanto, come previsto IBM ha annunciato di avere iniziato la produzione di processori basati su una nuova tecnologia denominata CMOS 9S che combina insieme circuiteria in rame da 0.13 micron, SOI e il sistema di isolamento low-k dielectric.
Inizialmente questo sistema verrà  implementata nei processori per server della serie Power4, nome in codice Reagatta, già  dai primi mesi del 2001 ma la stessa IBM precisa che progressivamente verrà  estesa a tutta la gamma dei processori di Big Blue, da quelli per sistemi integrati a quelli PPC per il mercato desktop.