Il nucleo di UNIX sempre più perfetto nel prossimo OS X Tiger

di |
logomacitynet696wide

Cambiano i motori nei Macintosh di oggi ed il Sistema Operativo matura di conseguenza, nello sfruttare le migliorie offerte dai G4 di Motorola ed i G5 IBM. Il futuro 10.4 Tiger è stato perfezionato anche da questo punto di vista.

Pensando all’evoluzione dei Sistemi Operativi di casa Apple, salta all’occhio come l’avvento di Mac OS X, sia stato qualcosa di completamente nuovo rispetto al passato. Il Sistema derivato da UNIX, infatti, nel corso di questi anni è stato sviluppato a braccetto con le nuove tecnologie di volta in volta implementate nei microprocessori.

Altivec è una parola che mal si sposa con il passato Mac OS 9; ma anche pensare a PowerMac 9600 MP, Daystar Genesis, Umax Nextgeneration, sono tutti nomi che richiamano alla mente le non sfruttate capacità  di calcolo dei sistemi multiprocessore di appena sette anni fa. Mac OS X è stato diverso anche in questo.
Pur derivando dal Kernel stagionato di UNIX, la carta vincente del nostro Mac OS X è stata quella di ringiovanirsi di volta in volta, abbracciando il supporto di tutte quelle nuove caratteristiche tecnologiche fornite dai G4 prima e dai G5 adesso.

Il Kernel rinnovato di Tiger, basato su una versione di FreeBSD superiore alla 5.2.x, ad esempio, fornirà  un supporto ancor più ottimizzato per l’architettura multiprocessore, resuscitata da Cupertino negli ultimi anni. Ciò sarà  ancor più evidente per i sistemi server che potranno fornire file con rinnovata efficienza.
I G5 funzioneranno a pieno regime, legati a doppio filo al Sistema Operativo grazie alla doppia struttura a 64 bit, compatibile all’indietro con le applicazioni a 32 bit. L’indirizzamento della RAM a 64 bit, potrà  far manipolare al Sistema una quantità  di memoria difficilmente immaginabile: ben 16 exabyte di memoria virtuale (exa è 10 elevato alla 18), con tutti i vantaggi derivanti da una simile potenza.
Il settore del networking, vero tallone di Achille del Mac OS tradizionale, sarà  ancora una volta riscritto migliorando le comunicazioni a tutti i livelli con le altre macchine; Tiger continuerà  ad offrire un gran numero di servizi per la rete e demoni che potranno essere controllati in maniera unificata tramite un unico framework per attivarli, fermarli e gestirli.

Spotlight sarà  integrato a livello di Sistema per la ricerca nei metadata e negli archivi, mentre alcuni degli usuali comandi da Terminale (cp, tar e nsync) saranno arricchiti della possibiltà  di operare direttamente sulle resource forks dell’HFS+, dato che attualmente sono alquanto limitati nell’utilizzo.

In prospettiva, Tiger si presenta già  da adesso come il futuro paladino delle tecnologie Open Source: le API multipiattaforma già  presenti in Panther saranno migliorate dall’aggiunta di nuove librerie Open Source per XML (libxslt) e per l’analisi dei dati (SQLite), oltre al tradizionale supporto di tutte le tecnologie che possiamo già  toccare con mano adesso.