Il progetto iBook per il Maine è a rischio

di |
logomacitynet696wide

Problemi di bilancio e un folto stuolo di oppositori mettono a rischio di progetto “iBook” nel Maine. Verrà  ridimensionato un piano che potrebbe portare 32.000 laptop nelle case di tutti gli studenti dello Stato?

Potrebbe essere decurtato o forse addirittura cancellato il progetto che dovrebbe portare alla fornitura di 36.000 iBook agli studenti dello stato del Maine. Lo sostengono alcune fonti giornalistiche che riprendono voci ricorrenti tra i legislatori dello stesso stato americano tra i quali sono in aumento coloro che starebbero valutando queste opzioni.
Le ragioni dei dubbi e delle incertezze sul progetto derivano dai suoi costi: circa 30 milioni di dollari, 36 milioni di euro. Una cifra davvero importante e che farebbe fatica ad entrare nel bilancio pluriennale dello stato.
“Si tratta di una iniziativa che va bene in un periodo di vacche grasse – ha detto il repubblicano Kevin Glynn – ma ora siamo in un momento di vacche magre”, citando la diminuzione del gettito fiscale, determinata dalla recessione, di 250 milioni di dollari. Un crollo che il governatore Angus King, principale sostenitore della iniziativa a favore degli studenti, vorrebbe compensare con una diminuzione degli investimenti in campo sociale mantenendo il “progetto iBook”. King ha già  apportato alcune modifiche al progetto, che sarebbe su scala quadriennale, attribuendo fondi per 25 milioni di dollari invece che per 30 milioni e annuncia che non farà  passi indietro. “Sarebbe un tragico errore cancellare un progetto di questa portata – ha dichiarato ad alcuni giornali – solo per alcune difficoltà  di bilancio contingenti e che riguardano solo l’anno corrente”
La posizione appare però meno difendibile nei termini proposti due anni fa, quando il clima economico era ben diverso e quando gli oppositori erano assai meno e assai meno agguerriti di oggi.
Alcuni di essi, i più moderati, propongo un ridimensionamento o l’approvazione su scala biennale invece che quadriennale. Altri, i più radicali, pensano che la soluzione più logica sia la cancellazione del progetto. Non mancano anche coloro che chiedono che il progetto sia rivisto considerando che gli studenti dovrebbero, invece che usare macchine Apple, imparare ad utilizzare PC compatibili, i più diffusi nel campo del lavoro e dell’impresa.
In questo momento i due gruppi, oppositori e favorevoli, si fronteggiano in attesa di una decisione finale che verrà  assunta sulla base delle posizioni di coloro che non si sono ancora espressi.
Il destino del progetto non si conoscerà  che il 31 di marzo, quando verrà  approvata la legge di bilancio dello Stato del Maine.