Microsoft acquista aQuantive per 6 miliardi di dollari

di |
logomacitynet696wide

E’ l’acquisizione più costosa nella storia di Microsoft. E’ la risposta a Yahoo e a Google. E’ un investimento nei confronti di un business che si preannuncia più che mai centrale nel prossimo futuro: il business del web-advertising.

Ormai il trend è definito. Il business pubblicitario sta sempre più puntando verso il Web, visto come il futuro “El Dorado” dei ricavi promozionali. La sfida si sposta in Rete, dove i nomi dei protagonisti sono ben conosciuti, Google, Yahoo e Microsoft in primis.

Mountain View ha già  fatto la sua mossa vincente, acquisendo Doubleclick; da Sunnyvale hanno risposto completando l’acquisto di Right Media.
Senza dimenticare la recentissima acquisizione di 24/7 Real Media Inc. da parte di WPP Group PLC, il secondo più grande gruppo di marketing e pubblicità  del mondo.

Mancava solo Redmond, che non si è certo fatta attendere: Microsoft ha annunciato l’acquisto di aQuantive, per la cifra record di 6 miliardi di dollari.
La cifra più grande mai sborsata dalla società  di Bill Gates. Già  solo quest’aspetto può far capire quanto grande sia l’interesse verso il marketing online e quanto fosse importante per Redmond riuscire ad assicurarsi strumenti utili per contrastare i rivali di sempre.

Così, in cambio di 6 miliardi di dollari, Steve Ballmer si porta in pancia aQuantive, società  di Seattle composta da tre unità  operative differenti: Atlas, che vende strumenti per pubblicitari e Web publisher interessati a campagne mirate sulle pagine online; DRIVEpm, che compra spazi pubblicitari da chi ne dispone per rivenderli a chi vuole promuovere; infine, Avenue A/Razorfish, la più grande agenzia statunitense di pubblicità  interattiva, che fra i clienti annovera Mercedes, Kraft e Visa.

L’affare sarà  completato nella seconda metà  del 2007, senza particolari rivoluzioni logistiche o organizzative: aQuantive continuerà  ad operare da Seattle come parte dei servizi di business online di Microsoft. Il mercato azionario ha premiato abbondantemente le azioni di aQuantive, salita dal 27.68 a 63.55 dollari; cede invece il titolo Microsoft, passato da 35 a 30.63 dollari.

Il campo di battaglia della pubblicità  online sarà  fondamentale per il futuro di Google, Yahoo e Microsoft: per le prime due potremmo dire vitale, in quanto dalla pubblicità  vi giunge la quasi totalità  dei ricavi; la terza, invece, non può permettersi di perdere il passo in un settore così strategico.