Nei nuovi iPhone i sensori delle fotocamere saranno di Sony?

di |
logomacitynet696wide

Da mesi si vocifera un sensore da 8megapixel per il nuovo iPhone, forse fornito da Sony. L’anticipazione era stata in parte confermata dal Ceo di Sony ed ora la prima manifestazione reale: il titolo Omnivision, storico fornitore di sensori di Cupertino perde in borsa per previsioni di ricavi in calo.

Omnivision storico fornitore di sensori ottici di Apple presenta risultati leggermente inferiori alle attese e previsioni di ricavi in ribasso. La società non spiega le ragioni dell’andamento negativo ma secondo gli osservatori si tratta di una prima conferma reale di quanto supposto da tempo: nel nuovo iPhone Cupertino integrerà sensori Sony. Non è la prima volta che emerge l’indizio di una possibile fornitura da parte di Sony per il nuovo smartphone della Mela. Oltre alle voci di corridoio infatti nel mese di aprile è stato lo stesso Howard Stringer Ceo del colosso nipponico a confermare parzialmente l’indiscrezione. Parlando dei danni subiti dagli stabilimenti di Sendai provocati dal terremoto, Stringer riferì di possibili ritardi nelle forniture di sensori per Apple. Il dettaglio è che fino ad allora i sensori utilizzati da Apple provenivano tutti esclusivamente da Omnivision, lasciando così dedurre che i sensori Sony erano destinati a un dispositivo nuovo e non ancora annunciato.

Per quanto riguarda Omnivision la società ha presentato ricavi per 276,1milioni di dollari e profitti per azione di 76 centesimi, mentre le aspettative puntavano a ricavi leggermente superiori di 276,6milioni di dollari e profitti per azione di 72centesimi. Nonostante il contenuto divario tra i ricavi attesi e quelli reali, il titolo è stato oggetto di numerosi scambi nell’after hour: gli operatori infatti sono preoccupati dalle previsioni dichiarate per il prossimo trimestre. Omnivision prevede ricavi compresi tra 255milioni di dollari e 275milioni di dollari con profitti per azione in discesa compresi tra 52 e 64 centesimi, mentre le previsioni degli analisti indicavano 306,4milioni di ricavi e profitti per azione pari a 82centesimi. Questi segnali sono stati interpretati come una conferma del possibile cambio di rotta di Apple per quanto riguarda i sensori: se anche solo una parte degli ordinativi di Cupertino sarà rivolta a Sony e non a Omnivision le previsioni di ricavi e il valore del titolo ne risentiranno sicuramente.