Roaming WiFi, alleanza tra Intel e Singapore

di |
logomacitynet696wide

Intel e la Infocomm Development Authority of Singapore annunciano una iniziativa per portare il roaming nelle reti WiFi. Presto cellulari, PDA e laptop si connetteranno indifferentemente alle reti GSM e 802.11x aprendo nuove prospettive alla larga banda.

Il mondo del wireless sta cercando di ottimizzare e mettere a frutto la dilagante popolarità  che conosce lo standard WiFi. Tra le iniziative di maggior spessore e che, se portate a termine, potrebbero contribuire a redisegnare il volto dell’Internet mobile c’è quella promossa da Intel e dall’ Infocomm Development Authority of Singapore (IDA), un’istituzione che si occupa di promuovere l’universo digitale nel paese asiatico.

Il colosso di Santa Clara e IDA, in particolare, stanno studiando uno standard per il roaming che consenta, come accade per i telefoni cellulari, il roaming tra le varie celle WiFi con la prospettiva di abilitare i portatili e i PDA ma anche futuri dispositivi da tasca come telefoni intelligenti, a restare sempre connessi alla rete ad alta velocità  senza preoccuparsi di ripristinare settaggi e password come sarebbe necessario fare ora. Tra gli obbiettivi di Intel e IDA c’è anche quello di facilitare la tariffazione di un simile servizio, aiutando i carrier ad elaborare strategie di marketing e nuovi servizi.

Il primo passo per Intel e l’istituzione di Singapore sarebbe stabilire equipaggiamenti hardware e dotazioni software standard e compatibili. Intel esplorerà  anche la prospettiva di creare un sistema di autenticazione universale presso le reti WLAN e WAN.

Successivamente la IDA condurrà  test di laboratorio con varie società  asiatiche per la verifica dei protocolli, la loro compatibilità  e la loro reale funzionalità . Nel momento in cui il sistema sarà  pronto verrà  sottoposto all’esame di consorzio WiFi e GSM per la sua approvazione come estensione dei rispettivi standard.

Una volta che lo standard sarà  pronto sarà  possibile accedere agli hot spot WiFi e GSM in maniera trasparente; in pratica le reti WiFi saranno delle semplici “aggiunte” del sistema GSM e UMTS che potrà  funzionare in abbinamento con esse. I cellulari, i PDA e i computer avranno accesso alla rete a larga o banda ridotta a seconda della qualità  della rete disponibile in quel punto, senza perdere mai la connessione e sfruttando sempre al massimo le sue capacità .

Ricordiamo che secondo molti osservatori lo standard WiFi presenta già  oggi diversi vantaggi nei confronti dell’UMTS. E’ disponibile fin da subito, permette una banda assai più ampia, ha costi più bassi per la creazione delle reti e per i dispositivi compatibili ed è già  molto diffuso nel mondo informatico.

Intel e IDA investiranno nei prossimi mesi 4,5 milioni di dollari per raggiungere gli scopi che si sono prefissi.