Yonah punta tutto sul risparmio d’energia

di |
logomacitynet696wide

Una modalità  di sonno profondo, cache intelligente, un chipset che riduce la luminosità  dello schermo. Ecco come Yonah, il processore che potrebbe portare Intel sui Mac, punterà  a rispariare energia ma senza compromessi sulla potenza.

C’€™è anche il una modalità  di ‘€œsonno profondo’€ tra le tecnologie che Intel impiegherà  per ridurre il consumo d’€™energia dei chip di prossima generazione per i portatili. L’€™innovazione, ha fatto sapere ieri Intel, apparirà  per la prima volta sui processori della serie Yonah, indiziati di essere quelli prescelti da Apple per il debutto delle componenti di Santa Clara sui Mac.

Secondo quando rivelato da Intel al forum degli sviluppatori di San Francisco, la modalità  denominata “Enhanced Intel Deeper Sleep” permetterà  alla macchina di diminuire in maniera sensibile il consumo energetico rispetto alle attuali tecnologie, questo grazie al fatto che il processore potrà  ‘€œspegnere’€ fisicamente la cache, dopo averla svuotata.

Ma oltre al ‘€œsonno profondo’€ Yonah presenterà  diverse altre innovazioni di grande interesse sia per il risparmio d’€™energia che per l’€™incremento delle prestazioni.

Tra le altre, fino ad oggi non note, la capacità  di ridurre il carico della stessa cache, arrivando a spegnerne parzialmente alcune sezioni non impiegate, quando il processore non ha bisogno di esse. Nel corso di un calcolo, ha spiegato Intel, quando la macchina verifica che l’€™uso della cache non è utile ad aumentare la velocità  di calcolo, progressivamente i dati in essa contenuti vengono sincronizzati con quelli presenti nel processore, disabilitando una parte o tutta la cache e quindi riducendo il consumo di corrente.

La ‘€œcache intelligente’€ permetterà  a Yonah, che pure ha due processori, di consumare quanto un chip Pentium M della serie Dothan, in commercio oggi, e di offrire prestazioni sensibilmente più elevate. I primi test presentati ufficialmente ieri su processori non in versione definitiva si sono dimostrati molto interessanti in questo senso.

Un processore Yonah a doppio nucleo con velocità  di clock non precisata (ma presumbilmente intorno ai 2 GHz) si è dimostrato di quasi due volte più potente in un bench svolto con Cinebench 2003 di un Dothan; Yonah ha anche dimostrato di essere più veloce di vari processori per desktop con frequenze di clok allo stato dell’€™arte.

Yonah, ha poi fatto sapere Intel, sarà  accompagnato dell’€™acceleratore grafico GMA950 che integrerà  un sistema per ridurre il numero dei refresh dello schermo, l’€™abbassamento automatico della luminosità  dello schermo al livello più adeguato alle condizioni ambientali. La componente wireless del chipset Calistoga integrerà , oltre al supporto i IEEE 802.11 ‘€œa’€, ‘€œb’€ e ‘€œg’€, anche la tecnologia IEEE 802.11e, utile a garantire un buon funzionamento delle tecnologie Voice Over IP. Al momento non è chiaro se Apple impiegherà  i chipset Centrino o se preferirà  adottare unicamente i processori Intel realizzando in proprio un chipset proprietario.

Yohan, si è sempre appreso ieri non da fonti ufficiali, dovrebbe essere reso disponibile da inizio 2006 in 12 varianti con velocità  di clock da 1.66 a 2.33 GHz a doppio nucleo e con 1.5 aa 1.83 GHz in configurazine low-voltage sempre a doppio nucleo. Le versioni ultra-low voltage (ancora a doppio nucleo) avranno velocità  da 1.06 a 1.2 GHz. Una versione a nucleo singolo, destinata al mercatro entry level, avrà  velocità  da 1.66 a 1.83 GHz.

Il rilascio di Yonah è previsto per il primo trimestre del 2006 anche se la sua presentazione dovrebbe avvenire ufficialmente all’€™inizio di gennaio, al Consumer Electronic Show di Las Vegas.