iPhone, solo il 2% dei manager lo prenderebbe in azienda

di |
logomacitynet696wide

Una recente indagine dimostra un interesse ancora tiepido da parte dei manager nei confronti di iPhone. Solo il 2% lo renderebbe parte delle flotte aziendali. Ma il 25% lo ammetterebbe se fosse di proprietà  dei suoi dipendenti.

I manager incaricati di indicare le linee guide nel campo dell’€™informatica e della comunicazioni restano diffidenti su iPhone. Questo l’€™esito di una indagine svolta da Toni Sacconaghi, un analista di Samford Bernstein. Sacconaghi deduce questa impressione dall’€™intervista di 105 Cio (Chief Information Officers) di aziende americane ed Europee.

Nonostante i recenti annunci nel campo della sicurezza (grazie agli accordi per il supporto dei sistemi di sicurezza Cisco) e la compatibilità  con i server Exchange, un numero sorprendentemente piccolo, appena il 2%, di manager sarebbe intenzionato ad introdurre il telefono nella infrastruttura aziendale. ‘€œSe questa disattenzione si dimostrasse la stessa anche in una fase successiva – dice Sacconaghi – Apple potrebbero trovare difficoltà  nell’€™affermarsi nel settore delle imprese’€.

In realtà , come nota lo stesso Sacconaghi, la Mela potrebbe avere una freccia al suo arco: l’€™attenzione all’€™iPhone da parte dei manager stessi e dei dipendenti per iPhone, quando questi svestono la loro parte di dipendenti di un’€™azienda. Il 10% dei Cio, infatti, non avrebbe alcun problema ad ammettere un iPhone di proprietà  di un dipendente nella rete aziendale; questa percentuale si eleva al 25% se i Cio vengono interrogati sulle loro intenzioni a 12 mesi.

La non ostilità  nei confronti di iPhone privati inseriti sulle reti aziendali, secondo diversi analisti, è un fatto rilevante perché significa che l’€™iPhone potrebbe essere destinato a seguire la strada percorsa da Rim, arrivato nelle aziende prima di ogni altra cosa perchè portato all’€™interno di esse da dipendenti che lo usavano per la loro vita privata.