fbpx
Home Macity Apple History & Lifestyle Il futuro dei PowerBook e iBook si chiarirà  a settembre?

Il futuro dei PowerBook e iBook si chiarirà  a settembre?

Qualcosa potrebbe cambiare nella linea di portatili di Apple. Non si tratta di indiscrezioni o fughe di notizie, ma semplici considerazioni logiche. Apple ha prodotti “anziani” in attesa di un restyling e prodotti che richiedono semplici aggiornamenti dell’hardware. Iniziamo dai PowerBook.

Se si dovesse trattare di semplici “aumenti di velocità “, ma anche di performance con schede video più potenti, i PowerBook potrebbero sfruttare i processori PowerPc G4 MPC7448 di Ibm, realizzati con la tecnologia a 90 nanometri e Silicon On Insulator (SOI) come tecnologia di fabbricazione. Questo vuol dire più potenza e minore consumo energetico (meno calore, anche). In pratica, da 2 Ghz (irrealistico) sino a 1,7-1,8 Ghz di potenza per il modello di punta della linea. Questa mossa farebbe seguire anche un innalzamento delle velocità  medie dei PowerBook e l’eliminazione del più lento della gamma, cioè il modello attualmente a 1,5 Ghz (quello più veloce è a 1,67 Ghz).

Si può ipotizzare anche un cambiamento nel modello a 12 pollici, dato che da tempo Apple è attesa per una revisione di questo prodotto per l’ipotetica transizione verso uno schermo da 11 o da 13 pollici a forma rettangolare (come i modelli da 15 e 17 pollici). Assolutamente improbabile il debutto del primo portatile basato su tecnologie Pentium Mobile. Si tratta di una ipotesi meno fantasiosa per gennaio 2006 (Macworld di San Francisco) o per un momento ad hoc creato dall’azienda.

Gli iBook, che da poche settimane sono stati aggiornati in quanto a velocità  (attualmente a 1,33 e 1,42 Ghz), da tempo hanno la stessa “forma”. Per la precisione, dal 2001. Forse è arrivato il momento di una evoluzione del “muletto” di Apple, sempre popolare nel settore educational, per il quale è stato pensato, ma diffuso anche tra gli utenti “normali”. L’ipotesi di un cambio di design è stata avanzata in maniera ricorrente negli ultimi appuntamenti ufficiali di Apple (Macworld, WWDC) e Parigi potrebbe essere la piazza giusta, visto che proprio lì vennero lanciati gli attuali PowerBook “Aluminium”.

La particolarità  di questo momento storico per Apple è data dal fatto che buona parte degli ingegneri di Cupertino sono al lavoro sui futuri prodotti basati su architettura Intel e quindi scarseggiano le risorse per fare grossi passi in avanti (come un design nuovo a pochi mesi dal cambio di tecnologia) nei settori più “convenzionali”.

L’attenzione è comunque alta, perché sia i processori Ibm (che stanno comunque procedendo nella loro roadmap di sviluppo, un po’ più lenta rispetto alle aspettative ma effettivamente in movimenti) che il momento favoriscono l’arrivo di novità . Mancano meno di sei settimane all’Apple Expo, ma gli elementi per queste considerazioni già  ci sono.

Offerte Speciali

Su Amazon torna Mac mini M1 in pronta spedizione

Mac mini M1 con SSD 256 GB al minimo storico: solo 744 € su Amazon

In offerta con sconto di più di 50 € su Amazon il recentissimo Mac mini con processore M1: 8 core grafici e 8 core di calcolo con SSD da 256 GB per sfruttare al massimo anche macOS Big Sur.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,803FansMi piace
93,024FollowerSegui