Home News MacOS X Beta: per molti ma non per tutti

MacOS X Beta: per molti ma non per tutti

Innanzitutto il prezzo di acquisto dovrebbe sconsigliare l’uso a chi pensa che installare un nuovo sistema possa essere non altro che un gioco carino o un divertente passatempo: installare MacOS X in una nuova partizione, lanciare il classic, usare i suoi servizi per internet, non e’ allo stato attuale una cosa alla portata di tutti è assolutamente sconsigliabile farlo in presenza di dati importanti non duplicati sul proprio hard disk.

Sappiamo benissimo che la curiosità  degli utenti ed un senso di fastidio per tutto ciò che si paga (chiamato anche pirateria del software) indurrà  qualcuno a voler utilizzare una copia fatta dall’amico o reperita attraverso internet ma non si speri in questo modo di poter usufruire del supporto telefonico di Apple (che terminerà  il primo giorno della release definitiva – telefonata al numero 199 120 810, al costo di 200 Lire + iva al minuto solo per chi ha un contratto Apple Care o a pagamento) né di trovare la compassione di chi la macchina ve l’ha venduta o vi assiste.

In ogni caso nelle istruzioni che accompagnano la beta é scritto chiaramente che questa viene utilizzata a proprio rischio e pericolo.

Noi abbiamo cominciato a provare il software la sera stessa della sua uscita a Parigi e lo abbiamo trovato relativamente molto stabile e soprattutto abbiamo apprezzato la sua capacità  di “killare” una applicazione senza che le altre ne risentano: un evento del genere è molto più probabile in questa fase quando si mischiano vecchie applicazioni per Classic (l’emulazione di MacOS 9) e per Carbon con quelle Cocoa.

Da prove effettuate con filmati Quicktime (ce sono di bellissimi installati dalla beta stessa) il sistema risponde più lentamente con MacOS 9: in questo caso possiamo dire che non vi troverete ad un sistema più veloce di quello che state usando e non potrete approfittarne dal punto di vista produttivo.
Ma non è che con gli update (che sono già  disponibili su internet con “Aggiornamento Software”) non migliorino sia le applicazioni che la velocità  complessiva del software.

In realtà  pensiamo che la beta serva soprattutto agli sviluppatori, a coloro che intendono creare applicativi conformi agli standard Apple e testarli in un ambiente pressoché definitivo. Potrà  essere utile a chi fa training informatico, a chi desidera domani (diciamo nella primavera del 2001) cominciare a lavorare subito con una nuova interfaccia di cui conosce perfettamente i segreti.

La sconsigliamo all’utente alle prime armi o allo smanettone incosapevole: i danni potrebbero essere notevoli ma comunque non andare al di la’ della riformattazione totale del proprio hard disk (molti utenti Wintel lo fanno continuamente…)

Sarebbe stato bello che Apple avesse in qualche modo fornito informazioni se e quando la cifra spesa per la beta potrebbe essere recuperata: magari con uno sconto di pari importo sull’acquisto della versione definitiva.
Se non altro possiamo riconoscere al produttore di computer con la mela di non avere messo in vendita una versione non definitiva a prezzo pieno come accade con altri sistemi operativi di nostra conoscenza…

Abbiamo aperto nella scorsa settima il nostro forum all’argomento MacOS X beta.
Usatelo per inviare le vostre domande tecniche, i vostri tip e consigli per l’utilizzazione.

Cliccate qui.

Un articolo con le prime impressioni é presente su MacProf in questa pagina.

Offerte Speciali

Minimo prezzo per Apple Watch 5: sconti nel carrello

Black Friday: Apple Watch 5 in sconto (e secondo bracciale Apple in regalo)

Supersconto su Apple Watch 5. E in omaggio peril black friday anche un bracciale originale Apple aggiuntivo
Articolo precedenteVectorWorks 8.5.2
Articolo successivoMacWorld Expo Parigi 2000: Ecco la beta!
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,958FansMi piace
93,812FollowerSegui