Google Calendar, recensione del calendario intelligente che crea eventi dalle mail

Prova su strada di Google Calendar, il calendario alternativo e gratuito per iOS che apprende dalle mail dell'utente, ed è integrato con iCal e iCloud di Apple, oltre che con Exchange di Microsoft. Google Calendar è gratis per iOS

La vista agenda offre una progressione di giorni in cui vengono indicati in verticale gli appuntamenti. Non serve a pianificare ma semplicemente a seguire il passo, scorrendo, delle cose da fare. Qui vengono inseriti gli appuntamenti che – se Google con un po’ di analisi semantica riesce a “capirli” – mostrano un disegno che identifica il tipo di appuntamento. Un aeroplano che decolla per un volo, un treno che parte per un biglietto, uno spazzolino e specchietto per il dentista, una serie di piatti e posate per colazioni, pranzi e cene.

In più, ogni mese ha un differente disegno che serve a “spezzare” graficamente la lista, ma anche a dare gusto (la grafica è piacevole e molto di moda) al calendario. I singoli appuntamenti senza altra indicazione sono blocchi del colore del calendario (per aiutarci a orientare tra differenti tipi di appuntamento) e riportano il titolo dell’appuntamento, l’orario ed eventualmente il posto, se specificato. Non sono presenti in questa vista però modalità per mostrare quando gli appuntamenti si sovrappongono.

Se si passa alla vista giorno si ha la stessa visione però del singolo giorno con dettagli ora per ora e, cliccando sul mese in alto, è possibile passare a una vista ibrida mese-giorno: si vede tutto il mese (ma senza segni per indicare se gli altri giorni hanno già appuntamenti o no, cosa negativa perché non si ha pianificazione a volo d’uccello sul periodo) e il singolo giorno ora per ora anziché come fa Calendario di Apple semplicemente come lista di appuntamenti. Si cambia giorno toccando un altra data sul mese mentre scorrendo il mese destra-sinistra si cambia mese.

Infine la vista 3 Giorni è semplicemente una vista della settimana in cui si riconosce che con orientamento verticale ci stanno solo tre giorni, da cui il nome. La vista 7 Giorni arriverà solo quando Google penserà anche all’orientamento orizzontale del calendario. In questa modalità c’è più respiro, si vedono le sovrapposizioni e gli appuntamenti che durano tutto il giorno per più giorni si trasformano in barre che corrono in orizzontale nella parte alta dello schermo. In questo caso ovviamente non ci stanno neanche le 24 ore di un giorno in verticale (se ne vedono circa nove, ma cambia con il numero di appuntamenti giornalieri che occupano spazio e fanno scalare l’orario della giornata). Ovviamente, oltre che con il piccolo simbolo dei tre pallini verticali in alto a destra si può cambiare vista anche interagendo con il contenuto del calendario: toccando la data in vista Agenda si passa alla vista Giorno e così via.