L’iMac “mini” potrebbe essere anche un ottimo media server?

Il rumour del "Pizza Box" Mac ha scatenato le fantasie di molti utenti Mac che discutono delle possibilità  di successo di una tale proposta da parte di Cupertino. Computer a basso costo per chi si avvicina al Mac partendo da iPod, client per studi grafiici e scuole ma non solo... e se fosse anche un ottimo set top box o, come si dice oggi, un buon "media server"?

Vera o no che sia l’anticipazione di Think Secret che vi abbiamo riportato in questa pagina, ha fatto riaccendere un dibattito mai spento sulla possibilità , per alcuni necessità , che Apple possa mettere in vendita un computer desktop di ridotte dimensioni venduto anche senza monitor.

Le possibili implicazioni sono tante e i nostri lettori ne stanno discutendo su questa pagina del nostro Forum; alle ipotesi fatte in queste ore vogliamo aggiungere una nostra che come per molti rumors coincide con un desiderio personale: il Mac a 500 dollari inteso come un set top box per il salotto di casa.

Se pensiamo allo sviluppo dato da Apple al mondo della musica digitale in questi mesi e alla concorrenza che in un ambito più vasto con cui Microsoft sta cercando di portare verso i suoi Media Center anche gli appassionati di Hi-Fi e video “passivi” possiamo pensare che il mercato per un set top box evoluto esiste ed è più ampio di quello che si pensi.

Apple ha con iPod un oggetto che fa traino per il suo marchio e la sua “potenza” nel campo del digitale e che può rappresentare il cavallo di troia non solo per i suoi computer, come sta lentamente accadendo per i nuovi iMac G5 ma anche per un prodotto intermedio, una commodity per l’accesso al mondo digitale da collegare non solo ad un monitor nel vostro studio ma anche al grande monitor che vi trovate in salotto, la vostra TV.

E’ evidente che l’evoluzione degli apparecchi televisivi e la riduzione di prezzo dei grandi pannelli al plasma o LCD porti ad avere nelle case sempre di più degli schermi ad alta risoluzione (uguale superiore ai 1024×768 pixel) che rappresentano il display di server multimediali che non si limitano a riprodurre DVD o CD Audio ma anche streaming Audio da Internet, archivi MPEG4, foto e filmati personali.
L’era del Pippin, quella sorta di videogame “intelligente” che doveva essere collegata agli obsoleti televisori è ben lontana…

Se analizziamo il mercato del video domestico vediamo che sono disponibili diversi sistemi di registrazione ibridi con PVR, lettori DiVX con collegamento Ethernet come quelli di KISS o singoli media center come quelli di Elgato, Plextor, Pinnacle…

Un Mac “pizza box” o un “iMac mini”, dall’aspetto “cool” mutuato da iMac G5 e iPod, con bassa rumorosità , con collegamento wireless opzionale e con processore G4 sarebbe facilissimo da realizzare, partendo magari da un ibook in cui vengono abbattuti i costi della batteria, del monitor, dell’hard disk da 2.5 pollici (più costoso degli equivalenti da 3.5 pollici) e potenziata la scheda video con una uscita anche per Alta Definizione.

Le porte per diventare un perfetto media center su cui scaricare immagini e video, e ridistribuirle in rete o direttamente sul monitor/TV già  ci sono, la funzionalità  di PVR si potrebbe aggiungere con un accessorio esterno con sintonizzatore su USB2 come il Plextor recentemente reso compatibile da ElGato e potrebbe ovviamente diventare un ottimo sistema per acquistare musica da iTunes Music Store per scaricarla su iPod, per gestire una libreria più ampia, per gestire Video Mpeg4, l’archivio fotografico con 25.000 foto di iPhoto e non ultimo per diventare un sistema multimediale anche per chi fa musica con GarageBand, Logic Express e un simpatico accessorio audio come “Asteroid” per l’ingresso microfonico, l’uscita digitale anche surround da abbinarsi alle applicazioni Apple per la musica e il video.

L’unico dubbio su un prodotto di questo genere riguarderebbe solamente il processore: può un G4 da 1.25 Ghz come quello “rumoreggiato” da Think Secret gestire il video ad alta definizione che Apple implementerà  su Tiger con il suo nuovo Codec H264 sia per la visione di filmati che per le comunicazioni via iChat?
Già  perchè anche una workstation per la comunicazione interpersonale video e VOIP potrebbe essere un ulteriore interessante impiego per il “Pizza Box” e se al processore venisse abbinata una scheda grafica onboard di buone prestazioni, questa potrebbe aiutarlo nel processo di codifica e decodifica.

Come in tutti gli articoli che Macity inserisce nelle sua sezione “Futuroscopio” parliamo di semplici congetture ma visto che in passato qualcuno di questi nostri desideri si è avverato e che Apple ha sia le potenzialità  tecniche che un mercato a cui rivolgersi per un prodotto del genere non è detto che il Mac “Pizza Box” o iMac mini non sia già  una realtà  pronta per essere presentata…

E voi come lo immaginate un Mac del genere anche dal punto di vista dell’aspetto esterno?
La discussione prosegue su questa pagina del nostro Forum