fbpx
Home Hi-Tech Android World Mobile Apps: lavorare diventando uno sviluppatore mobile certificato

Mobile Apps: lavorare diventando uno sviluppatore mobile certificato

Il mercato delle applicazioni mobile sta vivendo negli ultimi anni una crescita esponenziale. Parallelamente, anche lo sviluppo di apps si è trasformato per molti da semplice passione a vero e proprio mestiere. La possibilità di un percorso lavorativo in questo campo deve però essere supportata da una formazione solida e professionale. Abbiamo avuto la possibilità di fare quattro chiacchiere con Antonio Calanducci, docente dell’università di Catania e fondatore di Etnatraining, il primo centro di formazione nato nel sud Italia a promuovere lo sviluppo mobile sulla piattaforma Titanium di Appcelerator e delle tecnologie di Apple su tutto il territorio nazionale.

Antonio, perché diventare sviluppatori mobili oggi può essere un’opportunità?
Se consideriamo i dati di vendita dei dispositivi mobili degli ultimi anni, ci rendiamo conto che il numero di smartphone e tablet per nucleo familiare è superiore a quello di pc desktop/laptop. Da una ricerca condotta da Forrester, si stima che entro il 2016 più di 350 milioni di smartphone saranno utilizzati da utenti business, 200 milioni dei quali utilizzati anche a scopo personale, per una spesa per le apps di ben 56 miliardi di dollari. In quest’ottica, ci rendiamo facilmente conto di come questo fiorente mercato rappresenti l’opportunità di intraprendere un’attività autonoma diventando sviluppatore di applicazioni mobili. Giusto per fare un esempio vicino a noi, un partecipante dei nostri corsi, dopo il boom iniziale di vendite, ha una media giornaliera di 35/50 euro di guadagno, senza muovere un dito. Inoltre, questa figura è attualmente molto richiesta all’interno di grandi aziende nazionali e internazionali e, dato il numero ancora esiguo dei professionisti con tali skills, queste mansioni sono spesso ben pagate: uno sviluppatore junior guadagna in media dai 23mila ai 25mila euro per anno, che salgono a 30-35mila euro per un senior developer.

Etnatraining è il primo ed unico Appcelerator Training Partner italiano e di tutto il sud Europa, ci spieghi meglio cosa offre questa piattaforma?
Appcelerator è l’azienda californiana che ha introdotto sul mercato Titanium, piattaforma che permette lo sviluppo di apps mobile native su iOS, Android e HTML5. Più semplicemente: Titanium ti consente di scrivere, a partire da un’unica base di codice sorgente, applicazioni che “girano” sia su iPhone, iPad, iPod touch, sia su cellulari e tablet Android e infine su tutti gli altri smartphone con browser HTML5. Tutto questo è possibile senza dover imparare i diversi linguaggi di programmazione per ogni piattaforma (Objective-C, Java, C#, C++) ma con un unico linguaggio, ovvero quello del Web: JavaScript. Grazie a questo, milioni di sviluppatori Web potranno continuare a lavorare con il linguaggio che gli è già familiare, mentre chi si approccia per la prima volta alla programmazione impiegherà molto meno tempo ad apprendere JavaScript piuttosto che molteplici linguaggi nativi.

Esiste la possibilità, per chi fosse interessato, di ottenere una certificazione che attesti le proprie capacità di sviluppo mobile?
Al momento l’unica certificazione disponibile sul mercato è quella offerta da Appcelerator, con due livelli di certificazione: TCAD (Titanium Certified Application Developer), ovvero un livello base, e TCMD (Titanium Certified Mobile Developer), che corrisponde ad un livello avanzato. Al momento nemmeno Apple o Google offrono una certificazione per il mondo mobile.

Ma perché è importante avere una certificazione di questo tipo?
Perché una certificazione è l’unico mezzo per avere un riconoscimento delle proprie competenze sul campo da un ente riconosciuto (in questo caso Appcelerator stesso), e può essere certamente un plus da aggiungere al proprio curriculum per avere maggiori possibilità di essere preso in considerazione dalle aziende alle quali ci si presenta. Inoltre chi consegue queste certificazioni viene inserito in una directory di Appcelerator alla quale molte imprese accingono per la ricerca di figure competenti e qualificate, ed essendo gli sviluppatori certificati Titanium in Italia ancora nell’ordine di qualche decina, farne parte potrebbe certamente costituire un enorme vantaggio competitivo. Due dei nostri ex partecipanti sono stati selezionati e coinvolti in progetti di aziende italiane proprio grazie alla presenza sull’Appcelerator Developers Link.

A questo punto la domanda sorge spontanea: com’e possibile conseguire questa certificazione?
É possibile ottenerla attraverso i training partners di Appcelerator. Ce ne sono tre o quattro negli Stati Uniti, uno in Svezia e uno in Inghilterra. Per l’Italia e per il sud Europa l’unico training partner siamo noi di Etnatraining. Diamo anche la possibilità di fare l’esame online.

Quale percorso bisogna seguire per presentarsi all’esame di certificazione?
Ci si può presentare da autodidatta, preparandosi tramite il materiale di training presente sul sito di Appcelerator, oppure seguire uno dei corsi organizzati dai training partners. Etnatraining offre corsi di formazione in varie città italiane (Torino, Milano, Firenze, Roma, Bologna, Catania), articolati in tre giornate. I prossimi saranno a Bologna (dal 21 al 23 Novembre), poi saremo a Roma (dal 26 al 28 Novembre), Milano (dal 11 al 13 Dicembre), e infine Catania (dal 18 al 20 Dicembre). Il calendario sempre aggiornato con tutti gli appuntamenti è consultabile al sito http://www.etnatraining.it/calendario/.

Come è strutturato il vostro corso?
Il corso si costituisce di un’alternarsi di sessioni teoriche e pratiche: tutto ciò che si apprenderà in ogni sessione teorica sarà subito messo in pratica subito dopo, sviluppando a piccoli passi un’app vera e propria. Alla fine del corso tutti i partecipanti avranno sviluppato un’applicazione mobile completa dalla A alla Z, sia per iOS che per Android! Si tratta di un corso parecchio intensivo, della durata complessiva di 24 ore divise in 3 giorni, costituito dal 40% di teoria e 60% di pratica.

Chi è il partecipante ideale del corso? a chi si rivolge?
Il target ideale è lo sviluppatore Web, che usa giornalmente JavaScript, HTML e CSS, ma si può partecipare con successo al corso con la conoscenza di un qualsiasi linguaggio di programmazione come PHP, C, Java, Python, C#, Visual Basic, etc. Durante la prima giornata, infatti, si farà un’overview su JavaScript e sulle caratteristiche essenziali di questo linguaggio per l’uso con Titanium. Prossimamente è in programma l’attivazione di un corso per chi non abbia alcuna conoscenza ed esperienza precedente nella programmazione. In ogni caso, diamo la possibilità a chi è meno esperto di programmazione di seguire gratuitamente il corso una seconda volta, nel caso lo si ritenga necessario.

Il panorama Italiano è ormai ricco di aziende che offrono corsi di sviluppo mobile. Perché chi è interessato a entrare in questo mondo dovrebbe scegliere i corsi EtnaTraining e non quelli di altre realtà?
Innanzitutto perché tutti i corsi disponibili sul mercato in pratica si concentrano principalmente su iOS o, in numero minore, su Android. Nessuno offre un corso che permetta contemporaneamente di sviluppare applicazioni su entrambe le piattaforme, questo è possibile solo con l’utilizzo di Titanium. In secondo luogo, noi siamo gli unici nel paese a dare il riconoscimento delle proprie competenze rilasciando una certificazione ufficiale per conto di Appceleretor.

Com’è possibile ottenere ulteriori informazioni? Come è possibile iscriversi al corso?
Visitando il nostro sito web http://www.etnatraining.it/sviluppo-mobile/titanium/ è possibile leggere ulteriori informazioni e visualizzare il programma dettagliato degli argomenti trattati giorno per giorno. Per iscriversi, basta selezionare una delle edizioni del corso su http://www.etnatraining.it/calendario/ e compilare il modulo con i propri dati. Per ogni altro quesito potete contattarci via mail su [email protected].

[A cura di Paola Restuccia]

Offerte Speciali

MacBook Air 2019 vs MacBook Air 2020, specifiche a confronto

Minimo storico per MacBook Air M1 256 GB: 1037,00 €

Il portatile più ricercato della nuova ondata di Mac in offerta con uno sconto al 10% su Amazon. Tanta velocità per il nuovo MacBook Air M1
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,831FansMi piace
93,200FollowerSegui