fbpx
Home Hi-Tech Finanza e Mercato Apple vuole scambiare progetti eco-sostenibili con le tasse della Città di Cupertino

Apple vuole scambiare progetti eco-sostenibili con le tasse della Città di Cupertino

Apple ha proposto alla Città di Cupertino (California) – dove ha sede il suo quartier generale – il pagamento di 9.7 milioni di dollari al fine di sostenere progetti eco-compatibili dedicati ai trasporti, in cambio di un rinvio a riforme fiscali che costerebbero alle casse dell’azienda 9 milioni di dollari l’anno.

Lo stanziamento di Apple – spiega il quotidiano The Mercury News – verrebbe dedicato espressamente a piste ciclabili, realizzazione nuovi percorsi, rifacimento marciapiedi, migliorie per la sicurezza di automobilisti e pedoni.

Il più importante di cinque progetti, valore 4.63 milioni di dollari, riguarda una pista ciclabile lungo la McClellan Road abbinato al miglioramento di marciapiedi e nuovi semafori all’incrocio tra McClellan e DeAnza, poco distante dal campus Apple al numero 1 di Infinite Loop.

Bici

La Mela, spiega AppleInsider, è entrata in azione lo scorso anno, quando la città di Cupertino ha iniziato a prendere in considerazione di tassare le licenze commerciali non più in base ai metri quadrati occupati ma in base al numero dei dipendenti. La mossa potrebbe portare nelle casse della città 10 milioni di dollari l’anno, la maggio rparte dei quali grazie a Apple.

Nella città lavorano moltissimi dipendenti di Apple, circa 24.000 persone. Di fatto, gran parte della congestione nel traffico è dovuta ai pendolari che viaggiano verso le sedi Apple a Infinite Loop o nel nuovo Apple Park.

La città di Cupertino avrebbe deciso di rinviare il provvedimento al 2020, con l’obiettivo di consentire a Apple e altre attività di finanziarie con fondi propri provvedimenti che consentirebbero di alleviare il traffico.  Da ottobre dello scorso anno, personale degli organi di governo locali avrebbe già incontrato “una volta ogni due settimane” i rappresentanti di Apple.

Alcuni membri del Consiglio comunale hanno criticato la situazione, evidenziando che il pagamento di 9.7 milioni di dollari è inferiore ai 10 milioni di dollari l’anno, e che i previsti progetti non hanno come obiettivo la riduzione del traffico veicolare ma quello di invogliare le persone a sfruttare mezzi alternativi quali bici, scooter e altri ancora.

Il vicesindaco, Liang Chao, ha sollecitato lo staff municipale che lavora con il consiglio a negoziati più stretti con Apple, chiedendo all’azienda se è disposta a sostituire qualche programma per migliorare arterie stradali. Chao e il membro del consiglio, Darcy Paul, hanno anche proposto a Apple di investire denaro per l’acquisto di navette che consentono di collegare le destinazioni con vari snodi.

La tassazione per dipendente non piace a tutti. «Benché ad alcuni possa sembrare giusto» ha spiegato tempo addietro Jim Wunderman, dell’associazione politico-economica Bay Area Council, «queste imposte contribuiranno a lungo termine a indebolire la competitività e la nostra regione a livello economico».

Tra i fautori dell’iniziativa c’è il consigliere comunale Barry Chang, che già nel 2017, all’epoca sindaco della città, spingeva per ottenere 1.000 dollari per dipendente dalle grandi aziende, obiettivo che è stato fermamente avversato e in definitiva non portato a termine. Attualmente Apple versa ogni anno circa 13 milioni di dollari in tasse alla città di Cupertino, una buona percentuale del budget cittadino.

Offerte Speciali

BeatX, auricolari wireless parenti di AirPods: solo 71€

BeatsX, gli auricolari parenti di AirPods su Amazon costano solo 79€

I BeatsX, auricolari Bluetooth prodotte da Apple che si ricaricano con il cavo Lightning e condividono lo stesso chip di AirPods, sono in sconto su Amazon: solo 79€
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,437FansMi piace
95,280FollowerSegui