Recensione WeLoop Hey 3S, sportwatch con GPS + Glonass e un mese di autonomia

Macitynet prova WeLoop Hey 3S, un pratico sportwatch impermeabile con GPS e cardiofrequenzimetro: si collega allo smartphone ma funziona bene anche senza. La vera killer feature è l’autonomia

Se Apple Watch costa troppo e si punta più sulle funzionalità legate al fitness piuttosto che all’installazione delle app e alla gestione delle notifiche dal polso ma non si vuole rinunciare ad un ampio schermo touch, allora WeLoop Hey 3S può essere una valida alternativa.

Si tratta di uno sportwatch con GPS e Glonass che la nostra redazione ha avuto modo di provare di recente e che si distingue per il rapporto tra la qualità dei materiali e il prezzo di listino, oltre che per le funzioni offerte, la facilità d’uso, la precisione dei dati raccolti ed un’incredibile autonomia.

Recensione WeLoop Hey 3S: confezione

La scatola di vendita è molto curata e non fa sfigurare chi decide di acquistarne uno per farne un regalo. Al suo interno troviamo la cassa il cui schermo è protetto da una pellicola adesiva, la piastra per la ricarica della batteria, il cinturino, il cavo e il manuale delle istruzioni d’uso.

Recensione WeLoop Hey 3S

Com’è fatto

La cassa è di forma quadrata con i bordi fortemente smussati e ricorda molto da vicino il design di Apple Watch, anche se qui i materiali sono diversi: il guscio è interamente in plastica molto robusta, satinata nella metà inferiore e lucida per quella superiore, che incornicia un display LCD da 1,28 pollici. In ciascuno dei due lati troviamo incassato un pulsante circolare leggermente sporgente, sul fondo invece c’è il sensore per il rilevamento dei battiti cardiaci e i contatti per la ricarica della batteria interna.

Il cinturino è in morbidissimo silicone, molto largo (2.4 centimetri) e facile da agganciare e sganciare alla cassa in quanto sfrutta dei perni in metallo con un pulsante per controllare il sistema a molla. E’ inoltre ampiamente traforato, consentendo una notevole traspirazione della pelle: il foro centrale inoltre è molto ampio ed è costruito su misura del piccolo perno che troviamo nel lato interno della fibia che tiene fermo il cinturino al polso.

Si tratta di un piccolo dettaglio ma che abbiamo apprezzato durante le prove in quanto tiene ben ferma la porzione di cinturino in eccesso evitando le fastidiose “linguette” che sporgono specialmente quando il polso è molto esile ed avanza un’ampia porzione di cinturino. La fibia per bloccarlo inoltre è in metallo, il che aggiunge maggiore robustezza all’interno prodotto.

Come funziona

Per accenderlo è sufficiente tenere premuto uno dei due pulsanti per qualche secondo: il sistema operativo si avvierà e sarà operativo in meno di dieci secondi. A quel punto non si deve far altro che scaricare l’app WeLoop (per iOS e Android) sullo smartphone, attivare il Bluetooth e seguire i pochi e semplici passaggi indicati sullo schermo per abbinarlo al proprio dispositivo.

Ciò consentirà di leggere le notifiche ricevute dallo stesso direttamente dal polso oltre che regolare le impostazioni, programmare una eventuale sveglia, personalizzare i quadranti e analizzare i dati raccolti.

Cosa può fare

La homepage del dispositivo si compone delle seguenti icone:

Notifiche – qui vengono raccolte tutte notifiche ricevute sullo smartphone, contenenti il nome dell’app e una prima parte del testo
Cardiofrequenzimetro – permette di monitorare la frequenza cardiaca con un tap, leggere l’ultima rilevazione effettuata autonomamente dal sistema o attivare la modalità allenamento per avviare il monitoraggio costante dei battiti durante l’attività fisica (ad esempio in palestra)
Pedometro – quest’area permette di attivare il monitoraggio dell’attività fisica al chiuso (es. tapis roulant) o all’aperto, sfruttando il GPS più Glonass, quindi più preciso dei semplici dispositivi GPS, incorporato per migliorare la precisione dei dati raccolti quali calorie bruciate, distanza percorsa, numero dei passi, ecc.
Bicicletta – come la precedente, ma progettata su misura per l’allenamento in bicicletta all’aperto
Nuoto – come sopra, ma può contare le bracciate in piscina (è in grado di riconoscere gli stili libero, farfalla, rana e dorso)
Cronometro – per attivare il cronometro
Conto alla rovescia – per avviare un conto alla rovescia
Quadrante – da qui si può sostituire il quadrante di default con uno scaricato in precedenza dall’app
Impostazioni – quest’area permette di attivare la modalità “non disturbare”, effettuare un reset e spegnere il dispositivo

Come va

Lo sportwatch si gestisce con un tap sullo schermo. Il display è reattivo, riconosce con precisione i tocchi e le grandi icone facilitano la gestione delle funzioni integrate. Il rilevamento della frequenza cardiaca è molto preciso, stando alle nostre prove con un errore di ±7 battiti rispetto ad un dispositivo medico professionale, così come il contapassi è in linea con i valori rilevati dall’iPhone tenuto in tasca (con un errore di ±1.000 passi nell’arco di una giornata).

Non abbiamo potuto provare le funzioni bicicletta e nuoto mentre per quanto riguarda l’attività fisica a piedi è risultato essere piuttosto preciso (abbiamo confrontato i valori con quanto registrato da Runtastic su iPhone durante una passeggiata all’aperto). All’avvio il segnale GPS impiega dai 30 ai 45 secondi per diventare operativo.

Cosa ci è piaciuto e cosa si può migliorare

Innanzitutto è davvero leggero (sfiora i 200 grammi) e il cinturino è molto morbido e confortevole. Il display è perfettamente visibile alla luce del giorno e la retroilluminazione permette la consultazione dello schermo anche al buio più totale. Si accende automaticamente quando si solleva il polso (pochissime volte il giroscopio incorporato non ha funzionato al primo colpo) mentre la luce, di colore blu, non rende giustizia al dispositivo, che risulta all’occhio più economico di quel che in realtà vale.

Il software mette a disposizione decine di quadranti ma è possibile scaricarne soltanto uno per via della limitatissima memoria, che costringe perciò ad avere una connessione ad Internet attiva per poter eventualmente scaricare e installare un nuovo quadrante, rimuovendo automaticamente il precedente. In alcuni casi le etichette dei quadranti non sono state tradotte, mostrando gli ideogrammi cinesi (soprattutto per il meteo): ciò non influisce sulla fruibilità delle informazioni ma certamente vanifica l’utilizzo di diversi quadranti per gli utenti italiani.

L’autonomia è eccellente: appena scartato c’era il 78% di energia e dopo 18 ore, durante le quali è stato effettuato anche l’aggiornamento del firmware, restava ancora il 70% dell’energia. Dopo più di un giorno (28 ore), durante il quale il collegamento Bluetooth con lo smartphone è rimasto attivo per le notifiche, l’energia residua era al 68% mentre per i successivi quattro giorni, usandolo senza alcun collegamento Bluetooth per le notifiche ma per tutto il resto (quindi contapassi, battiti a riposo, ora e sveglia) la batteria è scesa soltanto al 62%. Da questo punto di vista lo stesso produttore assicura fino a un mese di autonomia con una sola carica, a nostro avviso tranquillamente superabile se non lo si utilizza in combinazione con uno smartphone collegato tramite Bluetooth.

Più di tutto secondo noi andrebbe reso ancor più indipendente dallo smartphone per la programmazione delle sveglie (non emette suoni di notifica ma la vibrazione è molto potente e lo abbiamo sostituito con soddisfazione alla sveglia sul comodino per tutta la durata dei test), un’operazione che, come dimostrano le stesse funzioni di cronometro e conto alla rovescia, si potrebbe tranquillamente eseguire con un tap sul piccolo schermo.

Conclusioni

WeLoop Hey 3S è un interessante dispositivo da polso. Non è uno smartwatch in quanto manca la possibilità di installare applicazioni e la gestione delle notifiche è limitata alla sola lettura dal polso. Per le funzioni offerte il termine che lo descrive meglio è sportwatch in quanto permette di tracciare più attività sportive, e in questo senso lo fa anche molto bene.

I dati raccolti sono piuttosto precisi (per quel che può valere il confronto con un dispositivo medico per quanto riguarda la frequenza cardiaca e i sensori di iPhone per il confronto durante il tracciamento dell’attività fisica) e il controllo tramite touchscreen è gradevole e intuitivo.

La lunga autonomia, l’impermeabilità e l’ottima vestibilità lo rendono un valido sostituto per chi cerca un prodotto funzionale che mostri quel che accade sullo smartphone e sia in grado di monitorare l’attività fisica quotidiana (con passi, calorie bruciate e qualità del sonno) e l’attività sportiva all’aperto oppure in palestra.

Prezzo al pubblico

WeLoop Hey 3S è in vendita su Amazon per 119,99 euro.