Home Hi-Tech Android World TeliaSonera contro Apple: «iPhone 4s poco coraggioso, perderanno la supremazia»

TeliaSonera contro Apple: «iPhone 4s poco coraggioso, perderanno la supremazia»

Apple sta perdendo smalto nel settore dei cellulari e il suo ruolo nelle telecomunicazioni non è più di supremazia come lo era due anni fa e la mela finirà per «essere calpestata dalla concorrenza». La frase a effetto è di Tommy Ljunggren, Senior Vice President di TeliaSonera responsabile dello sviluppo dei servizi mobile, vale a dire un top manager di uno dei principali operatori mobile al mondo e, va tenuto presente, tra i primi per quanto riguarda gli investimenti nelle infrastrutture LTE.

Proprio il rifiuto di Apple a lanciare un telefono basato sulla nuova tecnologia per comunicazioni di rete cellulare ad alte prestazioni, il cosiddetto 4G, sembra essere la principale (se non unica) ragione della bocciatura della strategia della societò di Cupertino. “Se me lo avesse chiesto due anni fa avrei risposto che Apple era importantissima. Ma ora – dice Ljunggren – sarebbe un brutto errore non includere (la tecnologia) LTE in iPhone 5 in caso contrario (Apple) sarà calpestata da altri (concorrenti)”. Nell’intervista rilasciata al sito Telecoms.com Ljunggren riepiloga tutte le novità di casa Google con Android 4.0 integrato nel super smartphone Samsung Galaxy Nexus e anche quelle di RIM che si prepara alla prossima generazione di tablet e smartphone sulla comune base della nuova piattaforma BBX presentata ieri. Nonostante le vendite record di 4milioni di unità, il nuovo iPhone 4S, secondo il dirigente di TeliaSonera ha deluso le aspettative di pubblico e critica perché il mondo attendeva un iPhone completamene rinnovato.

Per tutte queste ragioni Ljunggren ritiene che “Non sarà Apple a decidere se lo standard LTE decollerà o meno”. Il dirigente prevede che entro il 2013-2014 ci saranno in commercio smartphone LTE anche nelle fasce di prezzo più basse. Il punto interrogativo più grande rimarrebbe solo quello dell’assegnazione delle frequenze destinate agli smartphone. Nella parte conclusiva dell’intervista però il dirigente ammette che per il momento non ci sono smartphone LTE nel catalogo di TeliaSonera ma che arriveranno presto, già agi inizi del 2012. Il nodo saliente però rimangono i problemi di gioventù degli smartphone LTE, descritti dallo stesso dirigente: negli USA quelli già in circolazione integrano un circuito per le reti LTE per il collegamento dati più un altro circuito per collegarsi alle reti CDMA per le comunicazioni vocali. Questa doppia soluzione funziona ma drena la carica delle batterie a una velocità troppo elevata. Il dirigente ritiene che gli smartphone in arrivo nel 2012 supereranno questo problema integrando un apparato di comunicazione voce e dati unico, basato su LTE.

In un paio di occasioni i dirigenti Apple hanno espressamente dichiarato che non ci sarà un iPhone LTE fino a quando i problemi di gioventù di questa tecnologia non saranno superati. Sotto questa luce le dichiarazioni di Tommy Ljunggren, top dirigente di uno degli operatori che più ha investito in infrastrutture LTE, più che come una profezia nefasta, suona come il desiderio non ancora soddisfatto di poter contare su un iPhone già pronto per LTE, in grado di trainare e sbloccare la situazione e di dare finalmente avvio alla rivoluzione LTE che l’operatore vorrebbe fosse già innescata.

Ma Apple in passato, a cominciare dal ritardo con cui venne presentato l’iPhone 3G preceduto da un iPhone EDGE mentre tutti avevano già numerissimi telefoni UMTS, ha dimostrato che non corre per abbracciare una nuova tecnologia scendo a compromessi con essa pur di arrivare prima di altri. E certamente sarà così anche per LTE, nonostante gli ammonimenti di Telia Sonera.

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,937FansMi piace
93,807FollowerSegui