Amazon alla conquista dei motori di ricerca con A9

di |
logomacitynet696wide

Il popolare servizio di vendita online lancia il proprio motore di ricerca. Sfrutta i server di Google, ma consente di eseguire operazioni che il re della ricerca in rete non offre.

Amazon ci prova. La torta è grande: il mercato dei motori di ricerca. E per provarci, gioca due carte. Da una parte l’accordo con Google, il più famoso e – secondo molti – più completo motore di ricerca della rete. Dall’altro, una serie di servizi che neanche Google riesce ad offrire.

Iniziamo con il motore di A9, così si chiama l’engine per le ricerche di Amazon, sfrutta un accordo con Google, per riuscire a scandagliare meglio Internet. In realtà , la società  A9 è una sussidiaria, costituita nell’ottobre del 2003 a Palo Alto, che sfrutta anche le altre tecnologie (molte delle quali sono frutto del suo lavoro di ricerca) di Amazon,

C’è infatti il motore statico in grado di analizzare tutti i contenuti cartacei del catalogo librario di Amazon (in via di completamento), la personalizzazione dell’esperienza di ricerca attraverso una toolbar scaricabile e installabile sui Pc dotati di Internet Explorer, la possibilità  di gestire le proprie ricerche attraverso l’account di Amazon.

Il look di A9 è minimalista, seguendo la tradizione aperta proprio da Google: una sbarra per la ricerca, lo spazio per la cronologia delle ricerche, i link alle parti del sito per adesso prevalentemente auto-promozionali.

Inoltre, insieme alla possibilità  di personalizzare l’ambiente di ricerca, Amazon ci ha messo lo zampino con quello che ha imparato a fare nel sito principale, cioè offrire anche i suggerimenti che altri navigatori hanno sperimentato. Quindi, come per i suggerimenti di lettura (“chi ha comprato questo di solito compra anche quest’altro”) sarà  possibile avere suggerimenti nella ricerca (“chi ha ricercato questo di solito cercava anche quest’altro”).

Per adesso solo in versione beta, A9 promette di muovere un po’ le acque nello stagno dei motori di ricerca, sino ad ora dominati da Google.