Codici gratis di iTunes: tutto ma non la Pepsi!

di |
logomacitynet696wide

Bizzarra esperienza di uno studente universitario californiano che ama molto la musica, quella di iTunes Music Store, ama la Cola ma non quella di Pepsi.

Lo studente John Gillilan che si vede qui a lato mentre, stremato, si gusta una lattina di Diet Coke (la nostra Coca-Cola Light) è il protagonista della storia che andiamo a raccontarvi.

Nella sua università , la USC – University of Southern California, a Los Angeles, esiste la disposizione di pagare ad inizio del semestre un “meal plan” di 2.500 dollari, che viene poi scalato dalla apposita card, alla mensa universitaria ogni volta che si pranza. Tutto quanto non consumato al termine del semestre non è recuperabile o rimborsabile.

John evidentemente è rimasto affascinato dal concorso Pepsi-iTunes: negli USA si regalano codici per scaricare gratuitamente una canzone da iTunes Music Store se si trova il codice vincente sotto i tappi delle bottigliette di Pepsi.

Non sappiamo l’esatto ammontare della spesa che John aveva ancora a disposizione nel suo meal plan, ma sta di fatto che una buona parte di questi soldi sono andati spesi nella caffetteria dell’università  per l’acquisto di svariate bottiglie di Diet Pepsi.

Grazie al metodo (spiegato anche su queste pagine) dell’inclinazione delle bottiglie, egli ha recuperato solo ed esclusivamente Diet Pepsi che celavano codici vincenti e siccome, “nei termini del concorso non esiste l’obbligo di bere la bevanda”, John ha poi gettato il contenuto delle bottiglie.

Come vedete dal sunto fotografico che vi proponiamo, John ha portato a casa varie bottiglie di Pepsi “vincenti”, ha tenuto tutti i tappi gialli con il codice, ha buttato la bevanda gasata newyorkese (lui con tutta evidenza è dell'”altra parrocchia” e ama la cola di Atlanta), ha riscosso le canzoni vincenti da iTunes.com e ora si ascolta un sacco di musica gratuitamente.

Sul sito “Tilt. Twist. Redeem.” messo online da John (visitato già  da oltre 40.000 persone) è possibile esprimese un commento sulla trovata dello studente californiano.