Gene Munster prevede un altro trimestre record per Apple

di |
logomacitynet696wide

Vendite di Mac e di iPhone superiori alle previsioni e anche superiori rispetto alle stime di Wall Street: il contenuto del nuovo rapporto di Gene Munster di Piper Jaffray circola in Rete. Per il trimestre che comprende la stagione di Natale 2009 l’analista prospetta un altro risultato record per la Mela. Prevista inoltre una spinta aggiuntiva che potrebbe arrivare con la grande attesa e finalmente l’annuncio del tablet.

Secondo Gene Munster di Piper Jaffray è lecito attendersi un altro risultato importante da parte di Apple in occasione della presentazione del rendiconto del trimestre che avverrà  lunedì prossimo. Nell’ultimo report dell’analista, il cui contenuto si sta diffondendo su Internet, si veda AppleInsider, vengono chiaramente indicate vendite di Mac e di iPhone superiore non solo alle previsioni di Cupertino ma anche in grado di superare le attese di Wall Street.

In particolare Gene Munster indica una crescita del 26% nelle vendite di Mac rilevata a partire dai dati NPD Group, una percentuale sensibilmente superiore rispetto alla crescita attesa da Wall Street pari al 19%. Anche Munster rivede le proprie previsioni rialzando il numero complessivo dei Mac dai 2,9 milioni precedenti agli attuali 3,1 milioni. Se questo calcolo dovesse dimostrarsi azzeccato Cupertino registrerebbe il secondo miglior trimestre di sempre.

L’analista prevede un risultato superiore alle aspettative anche per iPhone: contro le stime attese di Wall Street pari a 9,1 milioni di smartphone, Munster prevede vendite effettive pari a 9,3 milioni. Infine anche il report di Munster non rimane esente dall’effetto tablet. Le grandi aspettative associate al nuovo dispositivo Apple potrebbero generare un effetto positivo per l’intero business, migliorando ulteriormente il quadro già  positivo della Mela. Munster è convinto che il tablet sarà  presentato il 27 gennaio e che sarà  commercializzato dal mese di marzo: secondo l’analista Apple ha tutte le carte in regola per venderne 1,4 milioni di unità  nel corso del 2010 ad un prezzo stimato di 600 dollari.