I segreti della Mobility Radeon 7500

di |
logomacitynet696wide

Bassi consumi, nuove tecnologie e una velocità  quasi doppia rispetto alla concorrenza e alle vecchie schede grafiche. Ecco tutti i segreti della Mobility Radeon 7500, cuore grafico dei nuovi Titanium.

La novità  principale, dopo il processore, dei nuovi Titanium è sicuramente la scheda video ATI Mobility Radeon 7500.

Il chip grafico usato nei portatili é al momento il prodotto di punta della società  canadese. In realtà  esisterebbe usato dalla gran parte dei laptop più moderni di fascia alta. In realtà  esisterebbe anche la Fire GL 7800, che ha prestazioni superiori, ma il suo debutto è recente e al momento la stragrande maggioranza dei laptop più moderni e di fascia alta usa proprio la Radeon 7500, una scelta che non stupisce viste le sue prestazioni che la rendono al momento inavvicinabile dalla concorrenza.

I dati di alcuni test svolti da siti specializzati, infatti, dimostrano che la sua velocità  nei confronti della GeForce 2Go è, a seconda delle condizioni, da quasi doppia (sulle risoluzioni più alte) ad almeno il 50% più alta con picchi che in particolari task, arrivano ad un +256% rispetto al prodotto di Nvidia. Davvero non male se si considera che la Radeon Mobility utilizzata nella serie precedente dei Titanium in numerosi test veniva battuta dalla GeForce, più veloce del 20 e anche del 30%.

I dati che segnalano la 7500 come uno dei prodotti più interessanti nel campo grafico vengono confermati anche nel decoding del DVD, uno dei più “gettonati” dagli utenti del Titanium. Anche qui la Radeon supera in prestazioni la Nvidia rispetto alla quale si prende anche una bella rivincita in fatto di consumi, un altro fattore fondamentale per chi usa i portatili.

Per diminuire l’incidenza del chip grafico nel consumo delle batteria ATI ha introdotto proprio con Mobility Radeon la tecnologia Powerplay, di fatto un sistema “dinamico” per la gestione dei consumi. In pratica il processore “spegne” porzioni non in uso del suo engine ad esempio non usando il 3D quando si sta semplicemente gestendo il desktop. In più Powerplay é anche in grado di destinare alla CPU alcuni compiti in situazioni specifiche, come nella riproduzione dei DVD e di scalare la velocità  del clock e dei consumi a seconda dell’intensità  grafica delle applicazioni. E’ persino in grado di modificare il tempo di refresh per aumentare la durata della batteria.

L’intelligenza di Powerplay può essere gestita, secondo la documentazione tecnica fornita da ATI, direttamente dell’OEM che adotta il processore. Apple potrebbe quindi avere fatto scelte più o meno drastiche nell’implementazione del chip e del suo sistema di risparmio dei consumi. Secondo alcuni test preliminari svolti lo scorso autunno, quando la Radeon 7500 era appena stata rilasciata, hanno dimostrato che su alcuni laptop PC la durata delle batterie nella riproduzione dei DVD poteva essere aumentata anche di mezz’ora.

Tra le altre caratteristiche, oltre al supporto delle tecnologie Charisma Engine, Pixel Tapestry, Hyper Z Hydravision, è al momento l’unica scheda grafica per portatili a essere in grado di dialogare con memorie DDR a 128 bit, il che le fornisce un importante vantaggio in fatto di banda disponibile nel campo dei laptop.

Da notare, infine, che ha ben 32 MB di Ram, il che consente di aumentare la risoluzione grafica fino a 1280×960

Insomma, se questi dati che abbiamo raccolto su Internet in riferimento al mondo PC e da documenti ufficiali diffusi dalla stessa ATI verranno confermati anche nel mondo Mac bisogna dire che l’adozione della nuova scheda appare come uno degli elementi vincenti del nuovo portatile.