L’UE sovvenziona il broadband in Galles

di |

La diffusione della larga banda in Galles sarà sostenuto da un progetto di finanziamento dell’Unione Europea. Contribuiti economici per lo sviluppo di una zona disagiata. Un esempio anche per l’Italia.

L’€™Unione Europea sovvenzionerà  il piano di dispiegamento della larga banda nelle località  svantaggiate del Galles. L’€™iniziativa di supporto economico è stata annunciata oggi dalle autorità  locali della regione britannica, tra le meno sviluppato dal punto di vista della connettività .

Grazie al piano il Galles potrà  contare su un sostanzioso contributo per portare linee ad alta velocità  in paesi e zone che non figurano sul piano di sviluppo broadband di British Telecom e che in conseguenza di ciò non avrebbero mai Internet ad alta velocità . Sempre grazie all’€™Unione Europea e all’€™iniziativa del parlamento gallese, saranno raggiunti anche residenze private, frazioni e paesi che sono localizzati troppo distante dalle centrali abilitate all’€™Adsl.

Sempre in Galles è in atto una iniziativa per la sperimentazione delle tecnologie WiMAX, il wireless urbano capace di diffondere larga banda fino a 70 Mbps su un raggio di 50 km dall’€™antenna, sempre allo scopo di raggiungere zone remote e non coperte dalle connessioni a cavo.

La situazione della regione britannica appare simile a quella che vivono diverse zone del nostro paese dove non esiste connettività  broadband perchè i fornitori d’€™accesso non le ritengono commercialmente appetibili e dove si sta ricorrendo a soluzioni (come la connettività  satellitare) non ideali, costose e utili solo a tamponare il digital divide e unicamente al servizio della pubblica amministrazione.