NON APPROVATE ANCORA – Lavori in corso a New York per il secondo AppleStore

di |
logomacitynet696wide

Le prime voci si erano diffuse con insistenza a fine inverno ma ora sta nascendo il secondo AppleStore di New York City nel pieno centro commerciale e non nella chic SoHo. Se Parigi ha la piramide di cristallo davanti al Louvre, davanti alla General Motors di New York nascerà un cubo di vetro e acciaio.

Ha avuto evoluzioni concrete la notizia dello scorso inverno che dava per certa l’apertura di altri due negozi di Apple a Manhattan.

I lavori sono in corso a pochi metri dal Central Park, dall’altra parte del crocevia con il celebre hotel Plaza. E’ pronosticata per l’autunno 2005 l’inaugurazione del negozio di Apple.

AppleInsider ha pubblicato le fotografie che dimostrano come sia stata sventrata la piccola piazzola davanti all’ingresso del GM Building al 767 della Quinta Strada e come i piloni in acciaio del futuro AppleStore siano stati innalzati per la curiosa architettura studiata per attrarre l’attenzione di turisti, businessman e danarosi risiedenti dell’east side e di midtown.

Chi ha potuto sbirciare i progetti dice che la struttura esterna possa essere un cubo di acciaio e vetro (10 x 10 x 10 metri) ma l’estensione dell’AppleStore potrebbe andare oltre, verso il basso, tramite una mega scala a chiocciola in cristallo, con all’interno un ascensore cilindrico.

Saranno occupati probabilmente anche gli spazi dell’ex negozio di giocattoli più celebre al mondo ospitato nel GM Building, quel FAO Schwartz che però di recente ha avuto gravi problemi di bilancio, tanto da andare in bancarotta (sono stati acquistati dal fondo d’investimenti D.E. Shaw & Co. alcuni asset) e chiudere tale negozio per molti mesi. FAO Schwartz ha riaperto solo per poche settimane dal Thanksgivin’ a Natale dello scorso anno, un periodo estremamente redditizio, ma poi ha chiuso i battenti.

L’AppleStore sotterraneo si dovrebbe sviluppare su una superficie di quasi 8.000 metri quadrati.

Per vedere tutte le fotografie di AppleInsider (che gentilmente ci ha concesso la pubblicazione di una di esse) cliccate i seguenti numeri: 1, 2, 3, 4 e 5.