Nuove e vecchie porte per i Titanium 2002 [aggiornato]

di |
logomacitynet696wide

Apple rende possibile il collegamento con i suoi monitor esterni LCD anche di grande formato e ritorna l’ingresso audio. Sparisce l’IRDA.

Tra le novita’ dei nuovi Titanium non ci sono solo processore e scheda video potenziati ma anche nuove modalita’ di connessione alle periferiche che puntano alla qualita’ e alla comodita’ d’uso.

– Connettore DVI

Sparisce per ragioni di spazio il connettore VGA per lasciare il posto a quello DVI, questa operazione porta essenzialmente a due vantaggi: sara’ facile collegare i Monitor Apple dotati di ADC (la presa proprietaria che riunisce USB, Alimentazione e segnale video digitale) con l’interposizione di un semplice alimentatore.
Sarebbe stato impossibile fornire, come ventilato da diversi siti di rumors un connettore completo ADC dato che il portatile non avrebbe potuto fornire energia sufficiente per alimentare il monitor esterno: con questa soluzione si ottiene anche la compatibilita’ diretta con i tanti monitor dotati di connettore DVI non prodotti da Apple che sono presenti sul mercato: senza ulteriori adattatori e contando sulla loro alimentazione autonoma.

Per collegare monitor VGA e videoproiettori e’ sufficiente un convertitore DVI-VGA che viene incluso con il portatile (il valore sul mercato e’ di 35 Euro).
Ricordiamo che esistono sul mercato anche videoproiettori con connettore DVI gia’ di serie.
Il collegamento diretto DVI senza passaggi analogici intermedi e’ sicuramente foriero di un’ottima qualita’ di visualizzazione e di un segnale privo di disturbi.
La possibilita’ di collegare anche monitor a grandissimo schermo come i display Apple da 22 e 23″ e’ assicurata anche dai 32 MB in dotazione alla scheda video Ati Radeon 7500 mobility a bordo dei nuovi Titanium.

– L’ingresso Audio
Qui si tratta di un ritorno sui propri passi. Apple aveva eliminato, tra lo scontento di moltissimi suoi affezionati clienti, l’ingresso audio dai propri portatili top proprio con i primi Titanium.
Anche se esistono soluzioni alternative su USB e il TI era dotato di un microfono incorporato, l’utilita’ di un ingresso audio anche di qualita’ relativamente bassa era’ stata piu’ volte evidenziata da coloro, e sono tanti, che contano sui Mac per attivita’ di registrazione “sul campo” e per coloro che desiderano convertire vecchi vinili o materiali analogici per sfruttarli con i nuovi supporti digitali.

Le altre porte sono le consuete che trovate anche sui vecchi modelli: da rimarcare la presenza di una velocissima Ethernet 1000: il Ti e’ l’unico portatile che permette un accesso con questa velocita’ su una LAN.

– Addio IRDA
Sparisce una delle porte piu’ comode per chi voleva gestire la sincronizzazione e la comunicazione con il proprio cellulare e anche con il palmare. Forse per mancanza di spazio o per non occupare l’uscita USB e per privilegiare la tecnologia che nel futuro prendera’ il posto di IRDA e cioe’ BlueTooth, Apple ha eliminato fisicamente la porta ad infrarossi.

Agli utenti che gia’ dispongono di un telefono con IRDA e vogliono collegarsi con il cellulare non rimane che la soluzione del cavo USB (come quello di Digicom), dell’adattore Seriale (Keyspan e cavo seriale del telefono) oppure interfaccia IRDA su USB (solo alcuni modelli e solo su Mac OS X), infine se sono stati previdenti, attraverso BlueTooth con i telefoni che sono predisposti ma sempre previo acquisto di un adattatore su USB.

Per tutte queste soluzioni vi rimandiamo alla
apposita pagina di MacProf dedicata ai cellulari.