Nvidia risponde ad ATI

di |
logomacitynet696wide

Di ieri le prime indiscrezioni sui nuovi processori di ATI, oggi Nvidia risponde annunciando che il prossimo chip avrà  circuiteria a 0,13 micron. La battaglia delle GPU continua

ATI e Nvidia si scambiano colpi a suon di indiscrezioni e di dettagli che, appositamente oppure no, trapelano sui loro nuovi prodotti.
Dopo primi dettagli sui chip RT 250 e 300 di ATI, oggi da oriente rimbalzano le dichiarazioni di Huang Jen-hsun, CEO di Nvidia che fa sapere come il nuovo processore in corso di finalizzazione e in rilascio in autunno sarà  qualche cosa di realmente rivoluzionario.

Il chip, ha detto ieri Huang Jen-hsun in un incontro con i giornalisti, avrà  un processo di fabbricazione a 0,13 micron, il più evoluto mai visto fino ad oggi in un processore per la grafica. Il CEO ha detto che la scelta viene attuata nel solco scavato da Nvidia che guida in tecnologia e in volumi il mercato delle GPU “attualmente i nostri chip grafici – ha detto Huang Jen-hsun – hanno una circuiteria a 0,15 micron. Non fare passi avanti sarebbe la cosa più sbagliata”. Ricordiamo che i più evoluti processori per PC, come i Pentium 4 e i PPC 750FX usano circuiteria a 0,13 micron.